24 settembre 2020

Sport

Chiudi

26.07.2020

Hellas, con la Lazio
la formazione migliore
La cronaca in diretta

Ivan Juric (fotoExpress)
Ivan Juric (fotoExpress)

Provaci ancora Hellas. Dopo aver fermato Inter e Atalanta, questa sera alle 19,30 al Bentegodi, la banda di Juric cercherà di fare lo sgambetto alla Lazio di Inzaghi, nobile decaduta della lotta scudetto. I laziali infatti, per lungo tempo sono stati i veri rivali della Juve in questa stagione. Adesso l’obiettivo è quello di arrivare raggiungere l’Atalanta al secondo posto. Sul nostro sito la cronaca in diretta.

 

CACCIA ALL’AQUILA. L’Hellas però non starà a guardare, anzi cercherà quella vittoria di prestigio importante per dare un maggior senso alla sua stagione. È vero che delle grandi al Bentegodi finora è caduta solo la Juve ma i pareggi con Inter e Atalanta sono stati epici. Nessuna voglia di parlare da parte di Juric, dopo l’ansia dei giorni scorsi. Il Verona ha l’obiettivo di raggiungere o superare quota 50 punti. Con tre partite, delle quali due in casa, il traguardo appare proprio alla portata di Silvestri e compagni. Dopo la squadra di Simone Inzaghi, arriverà la Spal già retrocessa e il gran finale sarà a Genova contro i rossoblù. Insomma su nove punti a disposizione l’Hellas potrebbe farne almeno 5. Giocare per divertirsi sarà questo lo slogan dei gialloblù.

 

SQUADRA TIPO. Stasera Juric dovrebbe mandare in campo la formazione migliore. Rientrerà dalla squalifica Amrabat che si posizionerà in mezzo al campo insieme a Veloso. Con il marocchino dal primo minuto dovrebbe tornare Zaccagni con Verre sacrificato in panchina. Portare Pessina nuovamente nel ruolo di mezz’ala potrebbe essere il pass per la panchina di Salcedo. Dietro confermatissimo Silvestri con i soliti tre davanti: Rrahmani, Gunter e Empereur. Ma ricapitoliamo bene la formazione anti-Lazio. Tra i pali Silvestri; difesa a tre con Rrahmani, Gunter e Empereur.Il compito di riportare in avanti il pallone sarà affidato a Amrabat con Veloso pronto a plasmare il gioco dei gialloblù. Sulle corsie laterali Faraoni e Lazovic, due garanzie. Davanti difficilmente giocheranno insieme Borini e Salcedo o uno di questi due con Di Carmine. Mister Juric ha bisogno di più copertura e quindi ecco che Borini giocehrà con Zaccagni e Pessina ai fianchi. Stando così resta prolungata la rinuncia a Di Carmine che pure l’allenatore dice di tenere molto in considerazione.

 

COMANDA IL MERCATO. Più che un’impressione è una certezza. Aver messo in archivio il triennale di Juric, ha dato maggior forza e vivacità a tutto l’ambiente. Gli indecisi ora sono pronti a fare carte false per restare al Verona ed altri agenti di calciatori, da rilanciare o giovani da sistemare, non avranno problemi nel rispondere al diesse Tony D’Amico. Un esempio? Fabio Borini. L’ex top player del Milan non riusciva ad avere minutaggio e al tempo stesso guardava con ammirazione, come tutti gli addetti ai lavori, il girone d’andata dei gialloblù. È stato relativamente semplice per De Fanti, agente del “Boro“ chiudere col Verona. Lui è un giocatore che piace molto a Juric, tra l’altro nella prossima stagione potrebbe iniziare la preparazione con il Verona ed avere così, meno contrattempi, di natura muscolare. Domani ci sarà un primo abboccamento. Il sacrificio è importante per il club, perchè Borini vorrebbe un triennale. Un milione netto a stagione più vari premi è la base su cui partire. E in quest’ottica, oltre naturalmente in quella tecnica, si deve vedere l’impiego dell’attaccante bolognese da parte di Juric in queste ultime tre gare.

Con Spal e Genoa invece, si potrebbe assistere ad un massiccio turnover. Giocatori da vetrina, dopo avere venduto Rrahmani, Amrabat e presto Kumbulla, l’Hellas non dovrebbe averne molti. Ed allora ecco che si pensa al passo d’addio per Pazzini oppure a Badu, che al termine di una stagione tremenda potrebbe anche lasciare il Verona. Insomma la gara di questa sera dovrebbe essere l’ultima affrontata con la formazione tipo. Mister Juric deve provare o dare chance ad altri calciatori della rosa senza contare che Lovato potrebbe avere più spazio. In fin dei conti la nuova stagione è già dietro l’angolo. L’Hellas dopo la partita di Genova del 3 agosto, si ritroverà già il 17 dello stesso mese per test atletici e quant’altro. Ritiro o no, Juric ricomincerà subito la preparazione. E sarà un pre-campionato molto strano, con tanti giocatori in rosa che potrebbero andarsene ed altri che arriveranno ben più tardi. Questo è il calcio, questa è la serie A, ai tempi del Covid-19.

Gianluca Tavellin
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Genoa
3
Juventus
3
Napoli
3
Milan
3
Fiorentina
3
Cagliari
1
Sassuolo
1
Roma
1
Hellas Verona
1
Atalanta
0
Benevento
0
Inter
0
Lazio
0
Spezia
0
Udinese
0
Torino
0
Bologna
0
Parma
0
Crotone
0
Sampdoria
0
Fiorentina - Torino
1-0
Genoa - Crotone
4-1
Juventus - Sampdoria
3-0
Milan - Bologna
2-0
Parma - Napoli
0-2
Sassuolo - Cagliari
1-1
Hellas Verona - Roma
0-0
Benevento - Inter
Udinese - Spezia
Lazio - Atalanta