18 settembre 2019

Sport

Chiudi

08.08.2019

Spal a un passo da Tomovic Il Chievo pensa a Gazzola

Chi esce e chi potrebbe entrare: Hetemaj contro Gazzola FOTOEXPRESSMariusz StepinskiNenad Tomovic
Chi esce e chi potrebbe entrare: Hetemaj contro Gazzola FOTOEXPRESSMariusz StepinskiNenad Tomovic

Qualcosa si muove. Tomovic potrebbe uscire a breve. E anche il guscio attorno ad Hetemaj non sembra più così granitico. E il Brescia, che ha urgenza di aggiungere un pezzo pesante alla batteria degli attaccanti, sprinta per Mariusz Stepinski, su cui la Spal ha invece allentato la presa visto che non riesce a trovare acquirenti per Paloschi. Il mercato comincia a guardare verso i pezzi grossi del Chievo. Proprio la Spal l’ha già fatto da tempo, bloccando Tomovic ma lasciandosi anche un leggerissimo margine di manovra nel tentativo di riprendere Bonifazi ma senza troppe speranze di spuntarla col Torino. Cifre alla mano il Chievo si libererebbe dal peso di quasi tre milioni fra netto e lordo, visto un contratto di altri due anni con tetti figli dei tempi in cui era alla Fiorentina, a budget molto diversi. Tomovic è la carta di riserva della Spal diventata ormai la prima in assoluto, in una trattativa in cui è finito dentro anche Leris, che s’è del tutto allontanato dalla Sampdoria dopo gli iniziali sondaggi dei giorni scorsi. PIANO PRECISO. Il mercato turco s’è stretto attorno a Perparim Hetemaj, in scadenza fra un anno con un ingaggio di 650mila euro a stagione che diventerebbero due ad un milione netto. Una buona soluzione per il Chievo, senza più un contratto pesante, ma anche per il giocatore ormai alle soglie dei 33 anni alla ricerca di un accordo che possa prolungare la sua carriera come merita d’altronde il suo percorso di instancabile faticatore della mediana. Per lui c’è sempre il Bursaspor, appena retrocesso in seconda divisione ma non esattamente solidissimo oggi sotto il profilo finanziario. Nel frattempo, non a caso, verso Hetemaj potrebbero presto dirigersi anche società di prima divisione. Come l’Alanyaspor ma anche il Malatyaspor, una delle ultime ad inserirsi in una corsa sempre più affollata e ricca di concorrenti. Il mercato in Turchia chiude il 30 agosto, tre giorni prima che in Italia. Il via della stagione di Super Lig fra dieci giorni. Due motivi in più per cambiare marcia, senza doversi ridurre all’ultimo. E in Turchia c’è un discreto fermento pure attorno a Filip Djordjevic, centravanti del Chievo fino al 2021 ma con uno stipendio fuori portata. Specialmente in B. ZONA DI DIFESA. Urgono rinforzi, specialmente dietro. Il Chievo è in corsa per Marcello Gazzola, una vita al Sassuolo e nell’ultima stagione e mezza al Parma che ora l’ha messo sul mercato. A 33 anni la sua nuova vita potrebbe ricominciare dalla B e dal Chievo, sulla fascia destra costretto finora ad adeguare Bertagnoli e a richiamare Frey, non ancora sicuro di rimanere ma col vantaggio di poter occupare, così come Cesar, uno dei due posti per i giocatori bandiera al di fuori quindi dalla lista senior. Su Gazzola c’è anche il Pordenone, all’inseguimento come il Chievo pure di Filippo De Col, in uscita sicura dallo Spezia che ieri nel ruolo ha preso Salvador Ferrer dal Gimnastica. Per la zona centrale l’obiettivo è invece sempre Matteo Gabbia, Under 20 azzurro del Milan che però piace molto anche al Frosinone che sul piatto può garantire un campionato d’alta classifica e il peso del tecnico Sandro Nesta, grande ex rossonero che rischia di diventare un ulteriore richiamo. MEDIANA IN EVOLUZIONE. Il Chievo sta monitorando da vicino Jacopo Segre, 22 anni, centrocampista centrale di proprietà del Torino che ha totalizzato 29 presenze di cui 21 da titolare nel Venezia. Tornato alla base, Segre verrà nuovamente ceduto in prestito. In corsa c’è anche il Chievo, insieme al Pescara che deve dare un certo tono alla sua mediana dopo la partenza di Brugman verso Parma. Marcolini adesso ha Esposito in quella mattonella, in un reparto in cui però Hetemaj e Leris potrebbero partire così com’è già stato per Rigoni e Kiyine, ora al Monza e alla Lazio. In partenza pure Karamoko, per il quale è sempre forte l’interesse dell’Inter ma anche della Juve dopo la grande annata con la Primavera. Sergio Pellissier sta sondando il mercato anche di Obi, non esattamente così elettrico dopo aver giocato poco al Chievo e quasi niente all’Alanyaspor, spesso fermo per problemi muscolari che ne hanno spesso rallentato l’ascesa. Anche Obi è fra quelli dal contratto quasi impossibile da digerire ma i suoi 28 anni e un curriculum di tutto rispetto - fra Inter e Torino - potrebbero diventare sufficienti argomentazioni per chi vorrà puntare sulla sua voglia di riscatto. •

Alessandro De Pietro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Inter
9
Bologna
7
Juventus
7
Napoli
6
Atalanta
6
Torino
6
Milan
6
Roma
5
Lazio
4
Genoa
4
Hellas Verona
4
Sassuolo
3
Cagliari
3
Brescia
3
Parma
3
Spal
3
Udinese
3
Lecce
3
Fiorentina
1
Sampdoria
0
Brescia - Bologna
3-4
Fiorentina - Juventus
0-0
Genoa - Atalanta
1-2
Hellas Verona - Milan
0-1
Inter - Udinese
1-0
Napoli - Sampdoria
2-0
Parma - Cagliari
1-3
Roma - Sassuolo
4-2
Spal - Lazio
2-1
Torino - Lecce
1-2