18 settembre 2019

Sport

Chiudi

05.08.2019

Il Chievo corre ma non punge Col Lecco è un pari in bianco

Djordijevic prova l’affondo tallonato da un avversario durante la partita col Lecco FOTOEXPRESSMariusz Stepinski, generoso ma poco preciso davanti alla porta
Djordijevic prova l’affondo tallonato da un avversario durante la partita col Lecco FOTOEXPRESSMariusz Stepinski, generoso ma poco preciso davanti alla porta

Fili sempre sottili. E così sarà ancora per un po’. Il Chievo sgobba, corre, è ordinato e pulito, seppur nella polvere di un cantiere che non vede ancora la fine dei lavori. Per quelli ci vorrà fine agosto, punto e basta. L’amichevole di Vigasio senza gol col Lecco di Lega Pro è il ritratto del momento. Tanta buona volontà, picchi piuttosto alti ma anche onde che solo una rosa stabile potrà acquietare. Prova a darsi più dimensioni il Chievo. Col fraseggio e col lancio per le punte, il più delle volte Stepinski che corre pure per Djordjevic che comunque fa il suo. La vera luce però è Giaccherini che sul centrosinistra si sdoppia come sa, aggredendo la fascia e buttandosi nel cuore del gioco. Generoso e lucido, anche se la sua partita si spegne a cinque minuti dall’intervallo quando - all’ennesima corsa - si adagia sul prato, nell’angolo davanti alla tribunetta dove siedono Luca Campedelli e Sergio Pellissier. Fastidio muscolare classico. Meglio farlo uscire. Così Marcolini butta dentro Mehdi Leris, negli ultimi giorni stretto fra la corte soprattutto della Spal ma anche della Sampdoria. La contesa prova ad agitarla soprattutto Stepinski, troppo altruista al 5’ cercando in area un compagno che non c’è e al 10’, calciando di sinistro fra le piante di mais di primo raccolto, quasi pronto per il taglio e diventare così ottima polenta. Il cuore di tutto è sempre Giaccherini, spesso allineato agli attaccanti e a dettare i tempi dalla periferia del campo. Il Lecco si fa vedere al 25’, quando Giudici si trova il pallone al limite ma calcia troppo centrale. Rimpallato (28’) il tentativo di Pucciarelli, fuori misura (29’) il colpo di testa di Djordjevic. Esposito prima si guadagna l’applauso per un bel ripiegamento su Melori, quindi (è il 32’) bacia la traversa con un dolce destro dalla lunetta con una punizione fischiata per un fallo sull’onnipresente Stepinski. E quasi allo scadere (44’) è ancora lui a indirizzare verso la porta un piazzato che però Bacci alza comodamente in angolo. Per ravvivare la ripresa, dopo il velenoso diagonale (11’) di Scaccabarozzi, bisogna attendere il quarto d’ora. Merito dell’intuizione di Segato, l’ex del Legnago che vede Seculin fuori dai pali e da cinquanta metri al pallone dà forza e la giusta traiettoria. Per l’estremo del Chievo c’è però tempo per rientrare e deviarla in corner. Dagli spogliatoi, rispetto al primo tempo, Marcolini tiene dentro solo Rigione e Tomovic, oltre a Leris. In regia va Karamoko, forte di natura ma in avvio troppo tenero. Altra musica con l’andare dei minuti. A destra si rivede Frey, a coprire una fascia senza troppi interpreti e alla ricerca di un altro anno di contratto. Il tempo corre in fretta, senza che succeda molto. Nel mais (35’) finisce anche il destro di D’Anna alto di poco. E alla fine il più acclamato è sempre Pellissier. Selfie, autografi, abbracci. Adesso più che mai sarà lui a dover giocare. Prima in area, ora al tavolo del mercato. Decisivo. Ancora una volta. •

Alessandro De Pietro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Inter
9
Bologna
7
Juventus
7
Napoli
6
Atalanta
6
Torino
6
Milan
6
Roma
5
Lazio
4
Genoa
4
Hellas Verona
4
Sassuolo
3
Cagliari
3
Brescia
3
Parma
3
Spal
3
Udinese
3
Lecce
3
Fiorentina
1
Sampdoria
0
Brescia - Bologna
3-4
Fiorentina - Juventus
0-0
Genoa - Atalanta
1-2
Hellas Verona - Milan
0-1
Inter - Udinese
1-0
Napoli - Sampdoria
2-0
Parma - Cagliari
1-3
Roma - Sassuolo
4-2
Spal - Lazio
2-1
Torino - Lecce
1-2