19 giugno 2019

Sport

Chiudi

24.12.2018

Chievo, resettare e ripartire A Marassi un’altra battaglia

Mimmo Di Carlo
Mimmo Di Carlo

Testa alta e muscoli tirati, a dispetto delle tossine accumulate soltanto l’altra sera con l’Inter. Il campionato non consente alcuna forma di relax, appena un paio di giorni per rimettersi in tiro, il Natale da trascorrere tra campo e pandoro - vietati gli eccessi - per rituffarsi nell’avventura 2018-’19 già dopodomani, quando il Chievo di Mimmo Di Carlo misurerà nuovamente il suo istinto di sopravvivenza a Genova, contro la Sampdoria. Ostacolo non banale, nemico quadrato, ben equipaggiato dalla testa ai piedi, e rilanciato inoltre nelle ultime settimane da un rassicurante filotto di risultati utili. Piccolo ripasso: pareggi nel derby della lanterna e sul campo della Lazio; vittorie (nette) su Bologna, Parma ed Empoli, giusto sabato. Con l’effetto di ritrovarsi, meritatamente, al sesto posto in classifica, in piena zona europea, ad un solo punto dal Milan e appena due dalla stessa Lazio. Guardatela dalla prospettiva di Giampaolo: battere il Chievo varrebbe un possibile aggancio alla zona Champions League, mica stupidaggini. Facile dunque intuire che a Marassi i gialloblù non respireranno atmosfere troppo cordiali, né avranno a che fare con una avversaria disposta ad atteggiamenti di particolare generosità, alla faccia dello spirito del Boxing Day, oggi al debutto per il massimo campionato italiano. Quindi solite spalle larghe, faccia truce e cuore immenso, gli ingredienti della ricetta che ha permesso al Chievo di conservare l’imbattibilità - pur senza mai vincere - nelle ultime sei giornate. Con un’avvertenza in più, quella raccomandata da Mimmo Di Carlo nel «day after» dell’entusiasmante pareggio con l’Inter: «In Serie A la mentalità vincente si crea resettando subito la partita appena disputata e ripartendo con l’obiettivo di conquistare la vittoria attraverso la prestazione nella gara successiva», il suo pensiero. «Dobbiamo quindi essere bravi a prendere tutte le energie positive ottenute dal pareggio con l’Inter, soprattutto per il grande secondo tempo che i ragazzi hanno giocato. Allo stesso modo, dobbiamo avere la capacità di continuare a costruire la nostra mentalità: giocare con intensità per ottenere la vittoria attraverso la prestazione». Di Carlo cavalca dunque i suoi slogan di culto, sicuro che il gruppo se la giocherà fino all’ultimo istante anche dopodomani. Con l’idea fissa di quegli inafferrabili tre punti, nonostante la coincidenza di calendario non proprio favorevole: «Sappiamo benissimo che mercoledì affronteremo una partita difficile contro una squadra che ha valori importanti. Dobbiamo sfidare la Sampdoria con fiducia e con le nostre certezze», l’ultimo messaggio. Fatale che, almeno in qualche misura, la squadra sia investita dal turnover, considerato che sabato i gialloblù saranno ancora in campo, in uno scontro diretto vitale col Frosinone penultimo. Probabile che a Genova il tecnico confermi la difesa a tre con i punti fermi schierati anche contro l’Inter, nell’attesa del pieno recupero di Tomovic.In mediana, al di là del rientro di Radovanovic, scalpita Obi, il cui impiego dirotterebbe Hetemaj sul lato. Sempre che Di Carlo non pensi di insistere con Jaroszynski, visto in palla a Ferrara come al Bentegodi, a scapito dello stesso «Hete» o di Depaoli, con dirottamento del finlandese a destra. Quanto all’attacco, difficile cavare il posto allo straripante Pellissier di questa sua meravigliosa parentesi di torneo, alla faccia del’età. Come dire: toglieteci tutto ma non il capitano. •

Francesco Arioli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
90
Napoli
79
Atalanta
69
Inter
69
Milan
68
Roma
66
Torino
63
Lazio
59
Sampdoria
53
Bologna
44
Sassuolo
43
Udinese
43
Spal
42
Fiorentina
41
Cagliari
41
Parma
41
Genoa
38
Empoli
38
Frosinone
25
Chievoverona
17
Atalanta - Sassuolo
3-1
Bologna - Napoli
3-2
Cagliari - Udinese
1-2
Fiorentina - Genoa
0-0
Frosinone - Chievoverona
0-0
Inter - Empoli
2-1
Roma - Parma
2-1
Sampdoria - Juventus
2-0
Spal - Milan
2-3
Torino - Lazio
3-1