21 luglio 2019

Sport

Chiudi

01.06.2019

Chievo, prima la rinascita E su Di Carlo c’è il Genoa

Luca Campedelli lavora alla rinascita del Chievo FOTOEXPRESSSergio PellissierMimmo Di Carlo resta sempre in lizza per la panca del ChievoMichele Marcolini
Luca Campedelli lavora alla rinascita del Chievo FOTOEXPRESSSergio PellissierMimmo Di Carlo resta sempre in lizza per la panca del ChievoMichele Marcolini

Raccontano di un Luca Campedelli silenzioso (con la stampa) ma motivatissimo. Pronto a tutto per dare un futuro ambizioso al suo Chievo. Il presidente si è messo in moto. C’è da rimodellare il progetto tecnico, riadattarlo al campionato cadetto. In agenda le cessioni destinate a snellire il monte ingaggi della squadra. Fondamentale per ritararsi dopo la discesa in B. Al club della Diga arriverà pure il paracadute per la caduta tra i cadetti. Campedelli lavora per dare solidità al suo club, e pure credibilità ad un progetto che oggi non può ancora essere svelato perché in via Galvani si è decisamente “work in progress“. Quindi, non è oggi prioritaria la scelta dell’allenatore. Campedelli deve prima dare nuova faccia al suo Chievo. Partendo dalle fondamenta, costruendo basi solide rivisitando il piano economico, ripartendo da figure che rappresentano il Chievo ma con in testa anche l’idea di rivoluzionare il giusto per ripartire nel miglior modo possibile. La retrocessione è una cicatrice. Ma è da lì che il Chievo deve ripartire. E mai come adesso pare che Campedelli abbia trovato nel disagio della caduta in B una sorta di opportunità per ridare nuova vitalità alla sua società. Certo, non sarà facile. Ci sono, come capita a tutti, i conti da far quadrare, gli uomini da confermare o lasciar partire, e poi c’è anche da scegliere l’allenatore. Tra gli allenatori. Che aspettano una chiamata. Ma la priorità, e torniamo a quanto detto poco fa, è quella di dare riferimenti sicuri per il Chievo del domani. Per questo tarda la nomina del nuovo tecnico. Per questo non è ancora stata ufficializzata la posizione di Sergio Pellissier. Per l’ormai ex capitano si è parlato di ruolo da vicepresidente operativo. Figura, questa, da definire nelle competenze. Poi arriverà il momento del mercato. Raccontano, ma questi sono sussurri, che mai come adesso Campedelli si senta addosso il suo Chievo. Lo vuole portare a sorridere ancora. I passaggi fondamentali da fare oggi sono quelli che dovrebbero permettere al Ceo cadetto di recitare un ruolo non marginale. E si torna a parlare del tecnico. Mimmo Di Carlo resta il più chiacchierato. Ha avuto modo di confrontarsi più volte in questi giorni con il presidente. Piace al Vicenza, che lo riporterebbe a casa volentieri per un progetto ad ampio respiro. Ma Mimmo è rimasto in attesa di conoscere le volontà del presidente. Piace al Genoa, Mimmo. Questa l’ultima di ieri. Piace pure al Benevento. Ma sono situazioni che ancora non si sono ben delineate. Non è scontato, però, che sia lui l’uomo del domani. Tanti i profili di allenatori accostati al club della Diga. Probabilmente la lista è destinata a scremarsi con il passare del tempo. Prima il Chievo, poi l’allenatore. E a oggi è difficile capire quali sono i tempi di azione di Campedelli. Le alternative? Le solite. Salvo il presidente non piazzi un colpo a sorpresa. Michele Marcolini e Vincenzo Italiano sono i nomi della prima ora da tenere in considerazione. Poi è spuntato pure Morendo Longo. E nell’ultima settimana anche Marco Baroni. La differenza la farà il progetto tecnico. Che ancora è in via di definizione. La scelta dell’allenatore spetterà quasi esclusivamente a Campedelli. Poi dovrebbe diventare operativo Pellissier, che gode di grande considerazione da parte del patron del club della Diga. Difficile pensare di poter andare oltre nelle analisi in questo momento. Fare cassa diventa fondamentale per rimpinguare le casse e prepararsi ad affrontare i costi della prossima stagione. Di Depaoli si è già detto in queste ore. Su di lui la Samp. Ma Fabio non è l’unico giocatore chiacchierato del momento. L’ultima B del Chievo no fu dolorosa ma esaltante. Una doccia fredda all’inizio, un bagno di umiltà, poi la rinascita. La stessa che cerca oggi Campedelli. Da lui passa il futuro del Ceo. •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
90
Napoli
79
Atalanta
69
Inter
69
Milan
68
Roma
66
Torino
63
Lazio
59
Sampdoria
53
Bologna
44
Sassuolo
43
Udinese
43
Spal
42
Fiorentina
41
Cagliari
41
Parma
41
Genoa
38
Empoli
38
Frosinone
25
Chievoverona
17
Atalanta - Sassuolo
3-1
Bologna - Napoli
3-2
Cagliari - Udinese
1-2
Fiorentina - Genoa
0-0
Frosinone - Chievoverona
0-0
Inter - Empoli
2-1
Roma - Parma
2-1
Sampdoria - Juventus
2-0
Spal - Milan
2-3
Torino - Lazio
3-1