11 agosto 2020

Sport

Chiudi

13.07.2020

Chievo, l’acuto a tutti i costi Ma gli uomini sono contati

Renzetti (qui contro l’Entella) è il grande ex della sfida di stasera
Renzetti (qui contro l’Entella) è il grande ex della sfida di stasera

La buona volontà non manca, il gioco neppure. Il passo, però, non è propriamente quello richiesto per accelerare e piantare una volta per tutte le radici in zona playoff. Inoltre le condizioni generali, viste le abituali falle tra i convocati, non esattamente quelle ideali. Eppure la portata delle ambizioni non prevede grosse alternative. Non ce ne sono. Così il Chievo ci riprova stasera, dopo due passaggi a velocità controllata, due mezze occasioni perse. Due tappe - insomma - che avrebbero potuto (e dovuto) celebrarne il decollo e hanno lasciato invece soprattutto rimpianti. In particolare l’ultimo, quello di venerdì col Trapani. Perché ai gialloblù serve più che mai l’accelerata prepotente, l’allungo perentorio, lo scatto da tre tacche anche se l’avversaria di giornata, la Cremonese, avrebbe a sua volta bisogno di una bella iniezione di punti e fiducia per vincere la propria guerra e allontanarsi una volta per tutte la zona calda della Serie B. Diversi gli obiettivi, analoghe le necessità, proprio come tre sere fa al Bentegodi. ENERGIA POSITIVA. Altra rivale, altro campo. Però il Chievo conserva la medesima necessità di trasformare l’ansia da risultato in energia positiva e di recuperare risorse - sul piano fisico, atletico, nervoso - laddove iniziano a fatalmente a scarseggiare. Senza contare, come premesso, indisponibilità sempre più pesanti e l’inevitabile, relativo ricorso a forze giovani, quelle che andranno ad infoltire la panchina. Ricapitolando: il Chievo andrà a caccia del colpo con una certezza in più in difesa (il rientro di Leverbe) e una carta in più a metà campo, quella di Di Noia, libero vecchio stile venerdì e oggi restituito al settore di naturale appartenenza. Sempre orfano però di Obi, ancora alle prese dei suoi acciacchi muscolari, e di Vaisanen. E stavolta privo anche di Segre, uno degli insostituibili nella terra di mezzo, squalificato. Oltre che, sulla mancina, di Cotali, bloccato ai box. L’obbligo di rispondere agli impegni ravvicinati ha dato poi un tempo di recupero limitato alle tre frecce del tridente - Vignato, Djordjevic e Giaccherini - per cui non è da escludere che proprio davanti Aglietti opti per qualche ulteriore avvicendamento, affidando una maglia da titolare a Ceter oppure a Morsay. Difficile, non impossibile. Più che probabile, comunque, a partita in corso. Quanto alla mediana, l’allenatore gialloblù potrebbe optare appunto per Di Noia oppure investire sui suoi giovani leoni, consegnando una casacca da titolare a Zuelli o Karamoko. Fermi restando, è chiaro, gli impieghi di Esposito al centro della linea e di Garritano mezzala. IMPEGNI E FATICA. «Aglio» ha valutato a lungo le opzioni anche nell’allenamento chiuso in serata a Veronello, sempre al riparo da occhi indiscreti. Nessuna dichiarazione prepartita. Fanno ancora testo quelle rilasciate dopo l’1-1 dell’ultimo turno, negli spogliatoi del Bentegodi: «Chiaro che non sarà facile neppure a Cremona», la riflessione. «Il caldo inizia ora a farsi anche molto pesante e giocano sempre gli stessi. Come alternative ho ragazzi che sono alle prime esperienze». Quindi il richiamo di buon senso: «Bisognerà valutare bene l’aspetto fisico perché da quando siamo ripartiti tanti hanno sempre giocato. Un po’ gli infortuni, un po’ le squalifiche e un po’ altre situazioni è chiaro che la rosa è un tantino corta». Servirà uno sforzo extra, serviranno anima e muscoli. Oltre alla necessaria lucidità: in ballo c’è un altro pezzo di Serie A. •

Francesco Arioli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
77
Atalanta
71
Inter
71
Lazio
69
Roma
57
Milan
56
Napoli
53
Sassuolo
48
Hellas Verona
45
Bologna
43
Cagliari
42
Parma
40
Fiorentina
39
Sampdoria
38
Torino
37
Udinese
36
Genoa
30
Lecce
29
Brescia
21
Spal
19
Brescia - Spal
Cagliari - Sassuolo
1-1
Fiorentina - Torino
Genoa - Lecce
Hellas Verona - Atalanta
1-1
Juventus - Lazio
Milan - Bologna
5-1
Napoli - Udinese
Parma - Sampdoria
Roma - Inter