31 maggio 2020

Sport

Chiudi

09.03.2020

Chievo formula Aglietti È il momento di accelerare

Giaccherini comporrà il tridente con Djordjevic e Vignato FOTOEXPRESS
Giaccherini comporrà il tridente con Djordjevic e Vignato FOTOEXPRESS

Francesco Arioli Sospesi tra l’ansia da virus e quella da rincorsa. Incastrati tra le misure radicali per contenere il contagio e la necessità di misurarsi ancora sul campo con l’avversaria di turno. Storie di pallone e Covid-19, di campionati trascinati nonostante l’emergenza ormai internazionale e i richiami al rigore delle amministrazioni pubbliche e del sistema sanitario. Ma sarà calcio finché qualcuno che conta non ordinerà il contrario. E sarà quindi sfida tra Chievo e Cosenza - fino a indicazioni opposte, anche in extremis - chiamate stasera al duello nel silenzio quasi lugubre del Bentegodi, per l’ultimo posticipo della nona giornata di ritorno della B. Mettendo da parte le paure extracalcio, dunque, interessi contrapposti in gioco. Quello dei gialloblù di innestare la marcia più alta per avvicinare il vertice e quello dei calabresi di ricavare un’indispensabile boccata d’ossigeno per sperare di rivedere pure uno spicchio di luce. E, con essa, coltivare pure le sempre più risicate speranze di salvezza. AVANTI TUTTA. Alfredo Aglietti, al debutto interno sulla panchina della Diga, non può porsi alternative al successo, che sarebbe anche il primo della sua gestione. La strada, ancora accidentata, che porta al salto di categoria - meglio, a consolidare intanto una posizione playoff - prevede infatti necessariamente la vittoria contro le avversarie più modeste. Proprio il passaggio che Marcolini aveva fallito. Insomma: nessuna pietà soprattutto contro avversarie impelagate nella zona pericolosa, che fra l’altro hanno un ruolino recente decisamente complesso. Per fare il pieno il tecnico toscano punterà fatalmente ancora sull’undici di partenza schierato al “Del Duca”, confermando quindi lo schieramento chiuso dalle tre punte e, nel mezzo, da Segre, Esposito e Obi nell’attesa che Di Noia, reintegrato ma ancora in ritardo di condizione, guadagni qualcosa di più dell’attuale mezzora di autonomia. Per il resto ancora fuori i tre infortunati Ceter, Ongenda e Garritano - comunque vicini al rientro - e convocazione a dispetto delle poche linee di febbre per Cotali, il mancino alternativo a Renzetti. Serviranno, fin troppo naturale, lo stesso spirito espresso mercoledì in trasferta. E poi attenzione, concentrazione, soprattutto velocità per mettere in crisi il nemico. E cercare a tutti i costi di rimettere piede nella zona spareggi, effetto che solo il successo potrebbe garantire. L’OPPORTUNITÀ. A mettere il fuoco addosso ai gialloblù, oltre alla possibilità di dare adeguato seguito al pareggio raccolto ad Ascoli, anche l’occasione offerta dalle contemporanee frenate di parecchie concorrenti. Clamoroso il ko interno del Frosinone (incappato in un’improvvisa crisi di risultati, con appena un punto in 180’); quasi altrettanto rumorosi i capitomboli esterni di Spezia e Salernitana oltre al modesto pari interno dell’Empoli col povero Trapani. Se la ride il Crotone, ora secondo, mentre lacrima il Cittadella, battuto in casa nel derby triveneto col resuscitato Pordenone. In sintesi: le verità di venti giorni fa sono state riviste, corrette, calpestate da quelle di ieri e dell’altro ieri. A conferma della proverbiale imprevedibilità del torneo cadetto: motivo in più, per il Chievo, di crederci. Ora più che mai. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
63
Lazio
62
Inter
54
Atalanta
48
Roma
45
Napoli
39
Milan
36
Hellas Verona
35
Parma
35
Bologna
34
Sassuolo
32
Cagliari
32
Fiorentina
30
Udinese
28
Torino
27
Sampdoria
26
Genoa
25
Lecce
25
Spal
18
Brescia
16
Cagliari - Roma
3-4
Juventus - Inter
2-0
Lazio - Bologna
2-0
Lecce - Atalanta
2-7
Milan - Genoa
1-2
Napoli - Torino
2-1
Parma - Spal
0-1
Sampdoria - Hellas Verona
2-1
Sassuolo - Brescia
3-0
Udinese - Fiorentina
0-0