18 settembre 2019

Sport

Chiudi

18.08.2019

Ceo in progress, avanti tutta Ma Cagliari mette i brividi

Probabile conferma per Manuel Pucciarelli stasera alla Sardegna Arena contro il Cagliari FOTOEXPRESS
Probabile conferma per Manuel Pucciarelli stasera alla Sardegna Arena contro il Cagliari FOTOEXPRESS

Cagliari, oggi, è un altro mondo. Altro tasso tecnico, altra solidità, altra quota di mestiere, di cattiveria, di ambizione. Altra categoria soprattutto anche se stasera - Sardegna Arena, ore 20,30 - c’è la Coppa Italia che tra A e B non fa differenza. Ci proverà il Chievo in progress di Michele Marcolini, ancora all’inseguimento di una fisionomia precisa, ostaggio di una sessione di mercato mai così difficoltosa da affrontare. Ci proverà a passare il turno - il terzo - anche se le indicazioni dei bookmaker sono tutte drammaticamente contrarie e la squadra, appunto, è ancora a metà del guado. Tra ragazzi di belle speranze alla ricerca di visibilità e occasioni e veterani dal passato più o meno illustre che il club gialloblù ha da tempo messo in vetrina. Non perché non si fidi più delle loro virtù - ci mancherebbe, pensando ai Giaccherini o ai Tomovic - ma perché la gestione dei loro contratti è diventata assai onerosa per una società alla ricerca di una nuova verginità, obbligata come non mai al rispetto dei conti per poter tornare pian piano ai livelli più alti del calcio italiano. Nel mezzo c’è Marcolini, allenatore equilibrista, costretto a sua volta a mantenere la rotta senza sapere ancora con quale equipaggio gli toccherà prendere il largo. In questo senso la Coppa Italia resta una fase di passaggio dalla quale sarebbe ingiusto pretendere troppo. E la conquista del quarto turno una specie di prodigio apparentemente fuori portata. Il tecnico gialloblù, in realtà, ha fatto capire già venerdì che la sua squadra non ha nessuna intenzione di raggiungere l’isola per fare passerella o accompagnare passivamente il grande ex Rolando Maran oltre l’ostacolo: «Il risultato deve rimanere il nostro principale obiettivo», uno dei passaggi della sua conferenza stampa. Ma ancora più prezioso potrebbe essere il modo in cui i suoi ragazzi daranno battaglia al nemico, «dimostrando di saper soffrire, di saper lavorare assieme, di saper essere squadra compatta, tutti determinati dall’inizio alla fine contro un nemico fortissimo», la raccomandazione a un gruppo che già col Ravenna, al di là dell’imprevedibile soluzione ai rigori, aveva dimostrato di potersela cavare benino per almeno un’ora. Resistono, chiaro, i dubbi legati alla formazione di partenza. Marcolini ha già fatto capire di voler puntare sui giocatori che dovrebbe ritrovarsi a Veronello anche il 2 settembre prossimo, a mercato concluso dunque, «senza rinunciare però a determinati equilibri». Probabile dunque la riproposizione del tridente già schierato una settimana fa, con Pucciarelli ad assistere Stepinski e Meggiorini. Probabile anche rivedere Esposito al centro delle operazioni e a caccia di un ulteriore salto di qualità, anche sul piano della personalità. Più o meno certa poi la disposizione della difesa, con la garanzia Semper alle spalle di Bertagnoli, dell’ex Leverbe, di Rigione e Brivio. Qualche dubbio a metà, dove Ivan si candida a scavalcare Karamoko o Garritano. Rispetto a domenica scorsa rientra Giaccherini - potenziale jolly a sorpresa sulla tre quarti - mentre non sono riusciti a recuperare dai rispettivi acciacchi (e sono quindi esclusi dalla lista dei convocati) Obi e Djordijevic. Sull’altro fronte, tra gli altri, fuori gli ex Cacciatore e Castro, probabili titolari invece sia Mattiello che Birsa. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Arioli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Inter
9
Bologna
7
Juventus
7
Napoli
6
Atalanta
6
Torino
6
Milan
6
Roma
5
Lazio
4
Genoa
4
Hellas Verona
4
Sassuolo
3
Cagliari
3
Brescia
3
Parma
3
Spal
3
Udinese
3
Lecce
3
Fiorentina
1
Sampdoria
0
Brescia - Bologna
3-4
Fiorentina - Juventus
0-0
Genoa - Atalanta
1-2
Hellas Verona - Milan
0-1
Inter - Udinese
1-0
Napoli - Sampdoria
2-0
Parma - Cagliari
1-3
Roma - Sassuolo
4-2
Spal - Lazio
2-1
Torino - Lecce
1-2