17 luglio 2019

Sport

Chiudi

15.06.2019

Campedelli, intrighi di cuore Marcolini è l’uomo Chievo

Michele Marcolini ad un passo dal ritorno al ChievoMarcolini e Mandelli, festa promozione del Chievo a GrossetoVincenzo ItalianoLuca Campedelli
Michele Marcolini ad un passo dal ritorno al ChievoMarcolini e Mandelli, festa promozione del Chievo a GrossetoVincenzo ItalianoLuca Campedelli

Michele Marcolini è il prescelto. Lo ha confidato il cuore al presidente. Poi, si sa, la vita è fatta di venti e bufere oltre che di placide distese annaffiate di primavera Luca Campedelli romperà il silenzio a breve. La scelta dell’allenatore è sua, solo sua. Nell’anno della retrocessione e della rinascita, il presidente si è preso tutto il tempo necessario per far ripartire la macchina Chievo. Riconversione del club alla B. Reperimento delle risorse, iscrizione, nuovo progetto tecnico, e una ormai annunciata rivoluzione di campo. Monte ingaggi da abbassare, cessioni in serie. Per cercare di dare nuova anima al Chievo. Che la sua anima se l’è persa per strada. Per Campedelli pure intrighi di cuore. Perché la retrocessione ha portato sconforto, frustrazione e sofferenza. E la necessità di rivedere molte cose e cambiare anche le pedine sulla scacchiera. Non c’è più Mimmo Di Carlo. Si è chiusa anche la parentesi di Giancarlo Romairone come direttore sportivo. La nuova era? Ha la faccia sorridente di Michele Marcolini. Oggi va così. E anche domani dovrebbe essere così. Certo, lo sa solo il presidente. Ma questa volta più che mai Campedelli è stato chiamato ad ascoltare se stesso. Fino in fondo. Il Chievo può ritrovarsi solo con gente da Chievo. Che dimostra di meritare la guida di questo club ancora prima di trovarsi penna in mano per la firma. E Michele ha fatto la cosa che riteneva più giusta. Consegnando il suo destino, incondizionatamente, al Chievo. Si è messo in gioco quando il casting per la ricerca del nuovo tecnico era appena iniziato. E giù nomi, e giù ipotesi. Da Nesta a Dionisi. Da Marino a Pavanel. Passando anche da Marco Baroni e Moreno Longo. Valzer iniziato più di un mese fa, quando il Chievo era prematuramente retrocesso tra i cadetti. Piano piano, però, la lista si è assottigliata. Con Marcolini sempre lì. Lui e l’altro: Vincenzo Italiano. Altro ragazzo passato dal Chievo. Un viaggio breve, però, quello del ragazzo di Sicilia rispetto a Michele. Che con il Ceo ha riso e pianto. E ancora oggi pare che l’unico vero antagonista di Marcolini sia rimasto proprio Vincenzino che domenica chiuderà la sua straordinaria avventura con il Trapani, arrivato alla gara di ritorno della finale play off per la B. Chi vive di sospetti dice che “Ita“ sia finito nelle grazie del presidente, impossibilitato nel dare l’annuncio con il tecnico ancora in corsa per la promozione. Ma le verità del cuore dicono altro. Campedelli ha “misurato“ l’attaccamento di Michele, ha tenuto tanti sulla corda. Qualcuno è andato, qualcuno è rimasto. Michele non si è mosso di un centimetro anche quando il Sudtirol, club di assoluto livello per la serie C, gli ha chiesto di prendere in mano il club di Bolzano. Si sono dati una scadenza. Marcolini sapeva che il tempo stava scadendo ma non è mai caduto in tentazione. Mai. Ha preferito non avere certezze del futuro, restando comunque in attesa della chiamata del Chievo. Il week end di Michele, che è andato a prendersi un po’ di relax nella sua Savona, dovrebbe essere l’ultimo da allenatore senza squadra. Lo dice sempre il cuore. Lo dice la storia del Chievo. Gli amori fanno grandi giri, poi ritornano. Da calciatore ad allenatore del club della Diga, la storia è piena di esempi: D’Angelo, D’Anna, Maran, Corini. A volte benissimo, a volte benino, a volte male. Ma Campedelli non dimentica chi sotto la tshirt nasconde un cuore Chievo E Marcolini è uno di questi. Il prescelto del cuore. Poi, per carità, in queste 48 ore il presidente potrebbe pure stupire tutti. Ma per un club che vuole riappropriarsi di se stesso, quella di Marcolini è la scelta più giusta. Identitaria, condivisibile, figlia di sofferenze e gioie che arrivano dal passato. •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
90
Napoli
79
Atalanta
69
Inter
69
Milan
68
Roma
66
Torino
63
Lazio
59
Sampdoria
53
Bologna
44
Sassuolo
43
Udinese
43
Spal
42
Fiorentina
41
Cagliari
41
Parma
41
Genoa
38
Empoli
38
Frosinone
25
Chievoverona
17
Atalanta - Sassuolo
3-1
Bologna - Napoli
3-2
Cagliari - Udinese
1-2
Fiorentina - Genoa
0-0
Frosinone - Chievoverona
0-0
Inter - Empoli
2-1
Roma - Parma
2-1
Sampdoria - Juventus
2-0
Spal - Milan
2-3
Torino - Lazio
3-1