18 settembre 2019

Sport

Chiudi

11.08.2019

C’è Ravenna, si alza il sipario Il Chievo alla prova del campo

L’allenatore del Chievo, Michele Marcolini, al suo debutto su una panchina di Serie B
L’allenatore del Chievo, Michele Marcolini, al suo debutto su una panchina di Serie B

Su il sipario. Il Chievo Verona riparte dal Bentegodi contro il Ravenna in Coppa Italia ma senza Giaccherini, per lui un risentimento muscolare. L’ultima in casa meno di tre mesi fa lo scorso 19 maggio. Temporalmente un arco breve. Di fatto però un’intera era. Dall’addio al calcio giocato di Sergio Pellissier al nuovo incarico di responsabile dell’area tecnica. Da un gruppo costruito per la Serie A ad un manipolo di giovani da scoprire con qualche chioccia pronta a un ruolo di guida. Fino ovviamente al cambiamento sulla panchina. In questo caso un’inversione percepita anche come meno repentina. Dai modi affabili e rassicuranti di Domenico Di Carlo a un’altra figura famigliare per il mondo Chievo come Michele Marcolini, bandiera clivense. ECCO MICHELE. Tutti fattori, che sapientemente miscelati, creano un effetto di attesa e di naturale ansia verso un percorso ancora dai contorni poco definibili. «Finalmente possiamo scendere in campo e mettere in mostra quello per cui ci stiamo preparando dallo scorso 8 luglio», il messaggio subito perentorio del tecnico gialloblù, che ha scelto questa avventura, attendendo il Chievo anche nei caotici giorni di inizio giugno, quando le numerose opzioni sul tavolo avrebbero anche potuto tranquillamente riscrivere i piani. Adesso da scrivere invece c’è solo una nuova storia. Anche quella di Michele Marcolini con questi colori. «Ho grande voglia di arrivare al Bentegodi e di cominciare questo capitolo da tecnico», la grinta manifestata fin dal primo allenamento nella cornice tradizionale del Bottagisio. «Non provo nessuna tensione per questo esordio ma solamente gioia. Sarà una bella emozione, consapevole però che sarà solo l’inizio». L’aria della Coppa Italia come antipasto di quello che verrà. Il campionato è alle porte, si inizia il 24.. LE SCELTE. Il primo Chievo targato Michele Marcolini non dovrebbe distanziarsi dai test delle ultime amichevoli. 4-3-1-2 l’impianto di gioco digerito fra il ritiro di Comano e Veronello, in attesa del mercato e di quella che sarà la dimensione stabile e definitiva della rosa. La costruzione di una squadra però non può attendere. «In questo periodo vanno considerati molti aspetti», la constatazione anche dell'allenatore clivense. «La mia responsabilità unica però è il bene del Chievo e da questo punto di vista le mie valutazioni devono essere finalizzate al futuro», le parole che magari tradiscono anche alcuni orientamenti. Verrà data precedenza a chi sarà centrale nel progetto della stagione rispetto a coloro ancora in bilico sull’altare delle trattative? L’interrogativo sicuramente riempirà la giornata. Ancora per poco però. Oggi alle 18.30 il Chievo ritorna a fare sul serio. Il tempo dei cambiamenti e degli esperimenti è terminato. Eccolo l’avvio di una nuova era. La prima stagione senza Pellissier sul campo dopo diciannove stagioni. La prima però con l’ex capitano sul ponte di comando. E se non è un cambiamento epocale questo…

Alessio Faccincani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Inter
9
Bologna
7
Juventus
7
Napoli
6
Atalanta
6
Torino
6
Milan
6
Roma
5
Lazio
4
Genoa
4
Hellas Verona
4
Sassuolo
3
Cagliari
3
Brescia
3
Parma
3
Spal
3
Udinese
3
Lecce
3
Fiorentina
1
Sampdoria
0
Brescia - Bologna
3-4
Fiorentina - Juventus
0-0
Genoa - Atalanta
1-2
Hellas Verona - Milan
0-1
Inter - Udinese
1-0
Napoli - Sampdoria
2-0
Parma - Cagliari
1-3
Roma - Sassuolo
4-2
Spal - Lazio
2-1
Torino - Lecce
1-2