21 ottobre 2019

Sport

Chiudi

20.09.2019

«Al centesimo gol di Sergio applaudivo a bordo campo...»

Dickmann, Ivan, Brivio, Cotali e Schafer con le nuove maglie, indossate assieme alle colleghe della squadra femminile, capitan Boni in testa
Dickmann, Ivan, Brivio, Cotali e Schafer con le nuove maglie, indossate assieme alle colleghe della squadra femminile, capitan Boni in testa

Il Chievo era nel suo destino. Giovane raccattapalle il 2 febbraio 2012, quando da giovane promessa del Novara assistette da bordo campo al centesimo gol in gialloblù di Sergio Pellissier al «Piola». Lorenzo Dickmann quel giorno ancora non sapeva cosa sarebbe capitato oltre sette anni più tardi. Di nuovo il Chievo e Pellissier nel suo percorso. Stavolta però in veste completamente diversa. «È la prima cosa che gli ho detto appena l’ho visto», i dettagli dell’incontro di poche settimane fa, con Dickmann nel pieno della maturità e Pellissier alle prese con le incombenze del ruolo di responsabile dell’area tecnica. Il laterale ex Novara però ha superato in fretta quell’emozione, motivato com’è a riprendere il filo dopo un anno difficile in maglia Spal. «Ho giocato poco nell’ultima Serie A e al Chievo quindi sono arrivato con le migliori intenzioni per aiutare la squadra e per ritornare velocemente quello che ero», il riferimento alle quasi 100 presenze collezionate in Serie B ad appena 23 anni e al sogno solo sfiorato di giocare l’Europeo Under 21 con l’Italia la scorsa estate. «Anche se mi sento già molto grato per aver collezionato qualche presenza in amichevole», aggiunge. OBIETTIVO RILANCIO. Un po’ come vorrebbe fare David Ivan, prodotto slovacco classe 95’ capace di conquistarsi il palcoscenico della Sampdoria nella stagione 2015-2016. Il più giovane in mezzo a tanti campioni come Cassano, Soriano o Correa, oggi spalla di Immobile alla Lazio. Pupillo inizialmente di Zenga e poi di Montella prima di alcuni intoppi a frenarne l’ascesa. «Mi ritengo fortunato per quelle esperienze ma non mi voglio fermare ai ricordi», le sue parole. «Nelle ultime annate purtroppo ho convissuto con troppi problemi fisici», rileva come vero motivo della sua parabola discendente, fino all’esperienza più fresca in Lega Pro con i colori della Vis Pesaro. Adesso David Ivan però vuole lasciarsi tutto alle spalle. «Io in primis ringrazio il Chievo per aver creduto nel sottoscritto», e la questione si sposta anche su un altro piano. «Ora però il mio unico obiettivo è quello di giocare e di farmi trovare pronto. Posso occupare molte posizioni del centrocampo, anche se mi sento essenzialmente un centrale. Sono ovviamente a disposizione di Marcolini», lo sguardo è già totalmente fissato sul rettangolo verde per recuperare il tempo perduto e riavvicinare quel livello di calcio solo sfiorato per appena un campionato. GIOVANI PROMESSE. Molto diversi invece i parametri di partenza per Matteo Cotali e Andras Schafer. Il primo, classe ’97, è una delle principali scommesse del Chievo versione 2019-’20. Dopo tre stagioni di ottimo livello trascorse in Lega Pro con l’Olbia, è alla sua prima vera chance nel campionato di Serie B. «Finalmente ho raggiunto questo obiettivo», annuncia. «Ora mi sto abituando a questa nuova dimensione allenamento dopo allenamento», il periodo di naturale ambientamento, «anche se in cuor mio spero di bruciare le tappe e di ritagliarmi il mio spazio già dalle prossime partite», col sogno nemmeno tanto nascosto di poter iniziare a duellare con Davide Brivio, al momento da considerarsi il titolare della corsia mancina. Un’ambizione condivisa anche con l’altro baby a disposizione di Michele Marcolini, il centrocampista Andras Schafer. L’ungherese classe 99’ ha idee chiarissime per il proprio futuro. «Sono capitato in una bellissima città e in un’ottima società. Cosa mi aspetto dal Chievo? Di giocare di più», la spontaneità espressa durante la conferenza stampa, che strappa un sorriso anche al cerimoniere della presentazione Sergio Pellissier. Uno che per tutti questi ragazzi è stato anche un idolo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessio Faccincani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
22
Inter
21
Atalanta
17
Napoli
16
Cagliari
14
Roma
13
Lazio
12
Parma
12
Fiorentina
11
Torino
10
Udinese
10
Milan
10
Bologna
9
Hellas Verona
9
Lecce
7
Sassuolo
6
Brescia
6
Spal
6
Genoa
5
Sampdoria
4
Brescia - Fiorentina
Cagliari - Spal
2-0
Juventus - Bologna
2-1
Lazio - Atalanta
3-3
Milan - Lecce
2-2
Napoli - Hellas Verona
2-0
Parma - Genoa
5-1
Sampdoria - Roma
0-0
Sassuolo - Inter
3-4
Udinese - Torino
1-0