17 luglio 2019

Sport

Chiudi

11.01.2019

Zingel manda baci a Verona «Impossibile dimenticarvi»

Aidan Zingel (qui con la maglia di Calzedonia) domenica torna nuovamente a Verona da avversario
Aidan Zingel (qui con la maglia di Calzedonia) domenica torna nuovamente a Verona da avversario

«Aidan sempre uno di noi»: facile pronosticare che sarà questo il coro che la Maraia gialloblù riserverà al giocatore di Castellana Grotte Aidan Zingel che domenica, per la seconda stagione consecutiva, scenderà all’Agsm Forum ma da avversario. Farà quasi specie vederlo sotto rete con un’altra maglia, lui che ha indossato quella di Verona per ben sette stagioni consecutive, un autentico record. Ma se il ventottenne centrale australiano lo scorso campionato ha lottato con la Diatec Trentino per lo scudetto, ora gli obbiettivi sono radicalmente cambiati. La compagine pugliese si trova infatti all’ultimo posto e i soli cinque punti incamerati sono frutto delle altrettante sconfitte al tie-break, di cui una all’andata proprio contro Calzedonia. Il presidente di Castellana Gaetano Carpinelli, nel tentativo di dare una scossa a tutto l’ambiente, a metà dicembre - dopo la sconfitta con Monza - ha rescisso consensualmente con Paolo Tofoli richiamando in panchina, a distanza di sette anni, Vincenzo Di Pinto. Come risultati è cambiato poco dal momento che domenica scorsa, contro Padova, la prossima avversaria di Calzedonia ha conosciuto la sedicesima sconfitta in altrettante partite e deve ora recuperare nove punti sulla terz’ultima, Sora. «Sapevamo che si sarebbe trattato di un campionato molto difficile», ammette Zingel, «ma mai avremmo pensato di ritrovarci in fondo alla classifica senza aver vinto una gara. La nostra è una buona squadra ma in troppe occasioni abbiamo sprecato l’opportunità di chiudere l’incontro. Soprattutto sulle azioni decisive ci è mancata la necessaria lucidità. Come è accaduto contro Verona all’andata, quando abbiamo perso al quinto set. Ma è stato così anche negli scontri diretti dove i punti contavano il doppio». Da un mese è arrivato il nuovo allenatore, «ma ci vuole un po’ di tempo per mandare a memoria i nuovi schemi e il tempo gioca invece a nostro sfavore perché i punti da recuperare stanno diventano tanti e le gare sempre meno. Qualcosa, sotto il profilo del gioco, è cambiato, mentre in palestra ci alleniamo con ancor più intensità, ma la nostra posizione resta molto preoccupante». Missione impossibile, dunque, la salvezza? «Non dico questo perché, con trenta punti ancora disposizione, la matematica dice che non siamo spacciati ed è giusto crederci fino in fondo», sostiene il centrale di Castellana. Precisando però «che almeno gli scontri diretti in programma nel girone di ritorno dobbiamo farli nostri». E domenica contro Calzedonia? «Gara difficile», ammette l’ex di lusso, «poiché stiamo parlando di una squadra che con l’arrivo di Kaziyski ha ingranato la quarta e lo abbiamo visto nelle ultime due gare. Nonostante, poi, i tanti infortuni, si è tirata fuori ugualmente da una situazione delicata ed ora è una squadra che fa paura a tutti. Inutile fare proclami in vista di questa partita, noi dobbiamo innanzitutto mettere pressione a Calzedonia, come abbiamo fatto contro altre formazioni, sapendo di non avere più troppo da perdere». Non sarà comunque, per Aidan, una partita qualsiasi. Calcare il parquet che l’ha visto a lungo tra i protagonisti in gialloblù sarà nuovamente un’emozione fortissima: «Impossibile dimenticare le tanti stagioni passate a Verona e l’affetto dei tifosi che dopo la gara andrò sicuramente a salutare. Il legame con loro e la vostra città è sempre forte. Indosso un’altra maglia ma l’amicizia resta». •

Marco Ballini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
90
Napoli
79
Atalanta
69
Inter
69
Milan
68
Roma
66
Torino
63
Lazio
59
Sampdoria
53
Bologna
44
Sassuolo
43
Udinese
43
Spal
42
Fiorentina
41
Cagliari
41
Parma
41
Genoa
38
Empoli
38
Frosinone
25
Chievoverona
17
Atalanta - Sassuolo
3-1
Bologna - Napoli
3-2
Cagliari - Udinese
1-2
Fiorentina - Genoa
0-0
Frosinone - Chievoverona
0-0
Inter - Empoli
2-1
Roma - Parma
2-1
Sampdoria - Juventus
2-0
Spal - Milan
2-3
Torino - Lazio
3-1