20 febbraio 2020

Sport

Chiudi

16.01.2020

Ecco Leon, Calzedonia alza le barricate

Calzedonia festeggia dopo un punto FOTOEXPRESS
Calzedonia festeggia dopo un punto FOTOEXPRESS

Si torna in campo e non mancano le incognite. Dopo tre settimane di stop per il torneo di qualificazione olimpica riparte il campionato. E per Calzedonia è una partenza in salita. Anzi, è una vera rampa verticale: questa sera alle 20.45 arriva la Sir Safety Perugia, la corazzata di Vital Heynen. Che ha tutto il roster a disposizione, deve solo valutare la condizione di Atanasijevic e Podrascanin, rientrati lunedì in gruppo dopo il torneo di Berlino. Probabile che li schieri nello starting six, ma potrebbero anche esserci delle sorprese: dovesse tenere il Podka in panchina, pronta la coppia di centrali italiani (Ricci, che ha recuperato dall’infortunio alla mano, con Russo) e, in questo caso, in banda potrebbe schierare Plotnytskyi al posto di Lanza. Cambia poco, si tratta di una squadra farcita di campioni e che ha in Leon il bomber che può fare la differenza in ogni momento, soprattutto al servizio dove può essere devastante. Non solo lui: la Sir dalla linea dei nove metri vanta dei veri bombardieri e la battuta sarà il fondamentale su cui punterà per fare saltare gli ingranaggi di Calzedonia. Asparuhov, Bonami e Muagututia sono avvertiti, per loro sarà una serata infernale. All’andata fu proprio la battuta a fare la differenza e Perugia si impose facile, facile con un netto 3-0. Questa volta potrebbe essere diverso anche perché Calzedonia ha avuto la possibilità, in questo lungo stop, di allenarsi tanto e con tutti i giocatori a disposizione, anche se non come avrebbe voluto Rado Stoytchev. «Durante le festività non siamo riusciti a lavorare con una qualità ottimale perché purtroppo la squadra è stata decimata da diverse assenze causa influenza», spiega, «a partire dai due palleggiatori. Da qualche giorno stiamo lavorando con il gruppo al completo. Perugia», prosegue, «è una delle tre squadre più forti del campionato con una percentuale d'efficienza in attacco molto alta, intorno al 42%, e diversi battitori davvero forti che possono fare male ... e poi c'è Leon. Sono da sempre un promotore del gioco di squadra, ma con lui», dice, «mi sorgono dei dubbi, perché è l'unico giocatore al mondo che può vincere una partita da solo. È difficile fermarlo e credo che la differenza potrà farla solo la qualità del nostro gioco e il modo con cui entreremo in campo fin dal primo pallone». Giocare all'Agsm Forum potrà fare la differenza? «Il nostro pubblico potrà darci una spinta in più e questo per noi è molto importante. Altrettanto vero, però», conclude Stoytchev, «che in campo vanno i giocatori e tutto dipenderà da loro». •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
57
Lazio
56
Inter
54
Atalanta
45
Roma
39
Hellas Verona
35
Parma
35
Milan
35
Napoli
33
Bologna
33
Cagliari
32
Sassuolo
29
Fiorentina
28
Torino
27
Udinese
26
Lecce
25
Sampdoria
23
Genoa
22
Brescia
16
Spal
15
Atalanta - Roma
2-1
Bologna - Genoa
0-3
Cagliari - Napoli
0-1
Juventus - Brescia
2-0
Lazio - Inter
2-1
Lecce - Spal
2-1
Milan - Torino
1-0
Sampdoria - Fiorentina
1-5
Sassuolo - Parma
0-1
Udinese - Hellas Verona
0-0