25 febbraio 2020

Sport

Chiudi

05.01.2020

Calzedonia, riempi i polmoni Sarà una corsa senza respiro

Matey  Kaziyski a inizio stagione si è allenato con Calzedonia
Matey Kaziyski a inizio stagione si è allenato con Calzedonia

Il 16 Calzedonia ritornerà in campo. Al Forum, alle 20.45, troverà Perugia, la corazzata di Vital Heynen. Un’ospite terribile di questo inizio del girone di ritorno dopo la pausa del campionato per l torneo di qualificazione olimpica. Per Verona, dopo l’importante successo contro Sora, alla prima giornata dopo il giro di boa, la strada si impenna brutalmente. E sarà una rampa senza respiro: dopo Leon&Co, per i gialloblù arriva tre giorni dopo il difficile scontro diretto a Piacenza, quindi, in successione, altre due big come Trento (partita però posticipata al 26 febbraio) e la Lube, prima di trovare in sequenza Padova, Vibo, Monza e Ravenna, partite queste ultime che determineranno la stagione di Calzedonia. Che, ricordiamo, ha come obiettivo quello di centrare i play off. «Con due vittorie raggiungi il sesto posto ma è altrettanto vero che due sconfitte consecutive ti portano vicino al baratro. Ecco perché non bisogna soffermarsi a commentare la classifica più di tanto e ragionare invece partita dopo partita», aveva detto capitan Birarelli giusto l’altro giorno. La graduatoria, infatti, è talmente compressa che ad ogni turno può essere stravolta ed è inutile fare calcoli. Vero: dal sesto posto (Padova) al decimo (Piacenza) ci sono cinque squadre racchiuse in sei punti. Impossibile fare previsioni. L’unica certezza è che bisogna vincere almeno gli scontri diretti. Nel girone di andata Verona si è scottata con tre sconfitte pesantissime che l’hanno affossata e che ha pagato con l’esclusione dalla Coppa Italia (partecipano le prime otto alla fine dell’andata). La serie negativa in rapida successione subita contro Vibo, Monza e Ravenna l’ha fatta precipitare e ha pagato pesantemente quelle sconfitte nonostante le successive importantissime vittorie contro la Top Volley e, soprattutto, Modena. Quest’ultimo un successo tanto bello quanto inaspettato. Rispetto all’andata, però, le avversarie potrebbero essere adesso più pericolose. Padova, per esempio, che era stata sconfitta, ha preso quota; Piacenza, con la quale Calzedonia si era imposta al tie break, non può più permettersi passi falsi e in casa può fare male. Mentre Vibo, che inaugurò la serie negativa di Verona, è una squadra con ottimi elementi che, come ha dimostrato, può sempre tirare fuori dal cilindro la grande prestazione. Per non parlare di Monza e Ravenna, formazioni molto agguerrite che in classifica sono alle costole dei gialloblù. Il campionato adesso entra nel vivo e per la Bluvolley dopo essere stata esclusa dalla coppa Italia sarebbe un grande smacco mancare pure i play off. Quindi bisognerà evitare passi falsi, cercare di vincere gli scontri diretti e sperare che a febbraio arrivi pure Kaziyski. L’anno scorso cambiò le sorti della stagione gialloblù. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
60
Lazio
59
Inter
54
Atalanta
45
Roma
42
Napoli
36
Milan
36
Hellas Verona
35
Parma
35
Bologna
34
Cagliari
32
Sassuolo
29
Fiorentina
29
Torino
27
Udinese
27
Lecce
25
Sampdoria
23
Genoa
22
Brescia
16
Spal
15
Atalanta - Sassuolo
Bologna - Udinese
1-1
Brescia - Napoli
1-2
Fiorentina - Milan
1-1
Genoa - Lazio
2-3
Hellas Verona - Cagliari
Inter - Sampdoria
Roma - Lecce
4-0
Spal - Juventus
1-2
Torino - Parma