08 aprile 2020

Sport

Chiudi

04.02.2020

Calzedonia, d’ora in poi vietato sbagliare

Un momento del match contro la Lube, Federico Bonami in ricezione FOTOFANNIFranciskovic serve un primo tempo al debuttante Zanotti FOTOFANNI
Un momento del match contro la Lube, Federico Bonami in ricezione FOTOFANNIFranciskovic serve un primo tempo al debuttante Zanotti FOTOFANNI

Calzedonia all’Eurosuole si è inabissata contro la Lube perdendo 8-25, 14-25, 19-25, rimediando una delle mazzate più pesanti degli ultimi anni. Per trovare un set finito peggio della prima frazione dell’altro giorno, bisogna tornare al 3 gennaio 2009: giocavano la Stamplast Martina Franca con la Lube. I padroni di casa vinsero 3-1, ma il terzo set crollarono 7-25. Un tracollo che comunque venne addolcito dalla vittoria. Domenica per i gialloblù, invece, a parte la prima parte del terzo set dove la squadra ha dato segni di vita, è stata notte fonda. Una sconfitta brutale che ha tante spiegazioni. Nello starting six c’erano ben quattro riserve: Franciskovic, Kluth, Chavers e Zanotti, quest’ultimo al debutto in Superlega. E la Lube per loro è stata una sorta di plotone di esecuzione. Rado Stoytchev, però, non aveva molte alternative. E le poche sicurezze sulle quali avrebbe potuto contare, ha voluto preservarle (Boyer e Solè). Con metà squadra con i postumi dell’influenza, e Spirito, che oltre ad avere passato da poco la febbre, accusa anche un dolore al polpaccio, ha preferito essere estremamente pragmatico: meglio un tracollo a Civitanova che un ko in casa contro Padova. Con la Lube si può perdere, con la Kioene no. Questo il ragionamento portante. «Non si trattava di preservare la squadra», ha ribattuto però Stoytchev. «Questa settimana non ci siamo allenati perché abbiamo avuto tanti problemi, erano tutti fuori. Ed è diverso», dice. «Non avevamo uno o due giocatori out, ma erano tutti fuori combattimento», prosegue. «E Garrett (Muagututia) ha avuto problemi familiari ed era appena rientrato. In dieci giorni non abbiamo fatto un allenamento e abbiamo anche dovuto pensare a come non farci male e a come prepararci per le due importantissime sfide che ci aspettano». E perché Boyer non è partito titolare? «Boyer è l’unico che non ha preso l’influenza, o uno dei pochi, ma non si può fare giocare Boyer da solo in queste condizioni. Non ha senso. L’ho fatto giocare solo un set per fargli prendere ritmo», aggiunge. Zanotti, al debutto in Superlega, e contro i campioni del mondo, però si è fatto valere. «Si allena bene da inizio anno, solo che in situazioni così non abbiamo gioco, non abbiamo nulla. Qui non parliamo di singoli giocatori, Zanotti o altri, qui non c’era la possibilità di giocare e allora ho preferito non rischiare infortuni. Che ne abbiamo già abbastanza». Adesso arriva Padova, servirà un’altra gara. «Due giorni per allenarci e spero di avere Muagututia. In queste due partite, con Padova e Vibo, si deciderà tanto della nostra stagione. Poi agli altri incontri ci penseremo. Un passo alla volta, intanto concentriamoci su Padova. Pensiamo a partita dopo partita e a set dopo set». •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
63
Lazio
62
Inter
54
Atalanta
48
Roma
45
Napoli
39
Milan
36
Hellas Verona
35
Parma
35
Bologna
34
Sassuolo
32
Cagliari
32
Fiorentina
30
Udinese
28
Torino
27
Sampdoria
26
Genoa
25
Lecce
25
Spal
18
Brescia
16
Cagliari - Roma
3-4
Juventus - Inter
2-0
Lazio - Bologna
2-0
Lecce - Atalanta
2-7
Milan - Genoa
1-2
Napoli - Torino
2-1
Parma - Spal
0-1
Sampdoria - Hellas Verona
2-1
Sassuolo - Brescia
3-0
Udinese - Fiorentina
0-0