19 maggio 2019

Sport

Chiudi

11.04.2019 Tags: Giovanni Guccione , Caldiero , Casarano , Serie D , Coppa Italia

Caldiero, finale di Coppa e promozione in D

I giocatori del Caldiero festeggiano il traguardo della finale negli spogliatoi
I giocatori del Caldiero festeggiano il traguardo della finale negli spogliatoi

A fine partita si mescolano tante cose. Le emozioni che tracimano e sgorgano finalmente senza filtri, la fatica che sparisce e lascia spazio alla gloria. Il Caldiero si scopre in cima alla sua personale montagna. Vince anche la semifinale di ritorno contro i reggiani della Bagnolese, raggiungendo con pieno merito la finale della Coppa Italia Dilettanti 2018-2019. Un obiettivo incredibile anche per il movimento veronese. L'ultima squadra a riuscirci infatti fu il Sommacampagna nella stagione 1977-1978, che poi vinse quel trofeo ai danni dei rodigini del Contarina. Il Caldiero stavolta avrà la medesima possibilità contro i pugliesi del Casarano a Firenze, in data ancora vacante e al vaglio della Federazione.

 

PARTITA TIRATA. Il sogno si è avverato dopo novanta minuti tirati e densi di emozioni. La Bagnolese prova subito ad alzare i ritmi, con un schieramento ultra offensivo ed un'inedita difesa a tre. Gli uomini di Cristian Soave controllano senza particolari sbavature. I pericoli però si addensano nel finale di frazione, quando la squadra reggiana produce il massimo sforzo. Al 41' il numero nove Formato scappa a Gecchele, entra in area ma la sua conclusione viene fermata dal palo. È il momento più duro per il Caldiero, che però resiste e mette l’elmetto, abbracciando senza paura la sofferenza. La formazione di casa per qualche minuto scatena l'inferno promesso alla vigilia. Assedia l'area di rigore con una quantità infinita di traversoni, respinti però puntualmente al mittente. Il duplice fischio placa gli animi. Il Caldiero capisce di essere vicino all'obiettivo. La Bagnolese invece comincia a smettere di crederci. L'aggressione è continua ma anche meno efficace. I tentativi reggiani non sono più animati dal senso dell’urgenza. I gialloverdi del patron Berti invece aumentano il proprio indice di pericolosità.

 

EMOZIONI. Al 7' Zerbato scalda i muscoli con una serpentina che però termina con una conclusione troppo angolata. Al 14' invece è il baby Vanzetta a proporsi in fase offensiva con un tiro alto sopra la traversa. La Bagnolese spaventa solo al 18' con Cocconi, murato dopo una mischia non adatta ai deboli di cuore. I reggiani perdono anche la calma. Il Caldiero invece annusa l'attimo fuggente. A coglierlo è il subentrante Giovanni Guccione. Al 36' colpisce la base del palo ma un minuto più tardi sigla il gol della storia. Viviani pennella per l’attaccante, che di testa appoggia in rete facendo esplodere il nutrito seguito di tifosi termali. È l’ultima scena, prima dei naturali festeggiamenti. Il Caldiero ora attende la finale, che vale già un pass automatico per la prossima Serie D, considerando che i prossimi avversari del Casarano hanno già trionfato nel proprio girone di Eccellenza. Una festa doppia. Una storia di per sé già straordinaria. •

Alessio Faccincani

Puoi leggere anche

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
89
Napoli
76
Inter
66
Atalanta
65
Roma
62
Milan
62
Torino
60
Lazio
58
Sampdoria
49
Sassuolo
42
Spal
42
Fiorentina
40
Bologna
40
Cagliari
40
Parma
38
Udinese
37
Genoa
36
Empoli
35
Frosinone
24
Chievoverona
15
Atalanta - Genoa
2-1
Bologna - Parma
Cagliari - Lazio
1-2
Fiorentina - Milan
0-1
Frosinone - Udinese
1-3
Inter - Chievoverona
Roma - Juventus
2-0
Sampdoria - Empoli
1-2
Spal - Napoli
1-2
Torino - Sassuolo
3-2