Questa pagina viene erogata tramite sistemi di Google. Utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
giovedì, 27 febbraio 2020

«Una vita da libidine»
Òcio al concert show
del «gatto» Jerry Calà

Jerry Calà (BATCH)

Dopo il tutto esaurito delle repliche precedenti, a grande richiesta, Jerry Calà torna lunedì 27 febbraio al Teatro Nuovo di Milano, in Piazza San Babila, con il suo Concert show «Una Vita da Libidine». Uno spettacolo esilarante in cui l'attore, attraverso storie, gag e canzoni coinvolge il pubblico travolgendolo per quasi due ore di grande divertimento. Jerry, accompagnato dalla sua band, racconterà alla sua maniera questi suoi 47 anni di carriera.

Sia come attore di cabaret e musicista cantante prima, che come protagonista al cinema poi, la vita di Jerry Calà è sempre stata accompagnata da canzoni che hanno fatto da colonna sonora ai suoi spettacoli, cominciando dagli albori con il gruppo dei Gatti di Vicolo Miracoli, proseguendo la sua carriera artistica con i film che hanno rilanciato vecchi successi degli anni ’60 e ’70 e degli anni ’80.

L’attore racconterà di quella «Verona Beat» dove lui, giovanissimo si esibiva interpretando i tipici brani dei gruppi dell’epoca fino ad arrivare a «Milano Rap» con il singolo hip hop «Ocio!» che ha riscosso un incredibile successo raggiungendo 3 milioni di visualizzazioni in una settimana su Youtube. Si ripercorreranno le grandi canzoni protagoniste dei successi cinematografici di Jerry, a partire da «Sapore di mare» dei Vanzina, che diventa addirittura il motore del rilancio delle musiche degli anni ’60, alla colonna sonora di «Vacanze di Natale» che lanciò brani di disco music anni ’80 diventate delle Hit, come «I like Chopin», e in particolare una canzone che Jerry (Billo) cantava al piano bar «Maracaibo» che è diventata uno dei suoi più grandi cavalli di battaglia, come pure «Ancora» di Edoardo de Crescenzo.

Brani che Calà presentarà nello stile dei celebri «One Man Show» americani, proponendo le sue colonne sonore preferite.

Suggerimenti