24 febbraio 2020

Spettacoli

Chiudi

16.01.2020

Una guerriera in carne ed ossa: adesso Mulan diventa un film

La versione in carne ed ossa della principessa Mulan
La versione in carne ed ossa della principessa Mulan

«Una guerriera con grazia». Si definisce così Niki Caro, regista neozelandese che ha diretto il remake del cartone Disney «Mulan», sugli schermi italiani dal 26 marzo in anteprima rispetto agli Stati Uniti, dove uscirà il 27 marzo, portando sul set un cast di oltre 900 attori.

Una guerriera tenace e sensibile come Mulan (interpretata da Yifei Liu), ragazza di un piccolo villaggio cinese che per proteggere la sua famiglia si traveste da uomo e risponde alla chiamata alle armi dell’imperatore, prende il posto del padre malato e si arruola nella leggendaria Armata Imperiale cinese per difendere il paese dagli Unni. «Leale, vera e impavida», come riportano le incisioni sulla spada del padre, coraggiosa anche nel mostrare le paure perchè, per avere coraggio, bisogna avere paura.

 

Un personaggio, quello tratto dalla tradizionale ballata cinese di Mulan, che già nel 1998, anno di uscita del cartone Disney, raccontava una storia di forza e successo al femminile lontana dalle più classiche principesse che attendono il principe azzurro: «l’empowerment femminile è nel dna di questa storia, Mulan ha un percorso che mi ha ha appassionato: la vediamo compiere un cammino di crescita da ragazzina del villaggio a soldato uomo a guerriero. Rappresenta tutti noi ed è una storia per tutti: c’è un elemento femminile ma anche una fluidità di genere che rende la storia valida per tutti», ha detto la regista alla presentazione del footage a Milano.

E in questa sua impresa al femminile Mulan ce la farà senza l’aiuto de drago Mushu, grande assente nel film: un personaggio «insostituibile» e talmente «perfetto che è impossibile ricrearlo», ha spiegato la regista. In questo remake «ho voluto onorare l’animazione Disney e anche la ballata originale. Il mio compito è stato quello di renderla reale». Nel film, in cui la regista ha cercato di riportare in modo accurato e il più possibile fedele la tradizione cinese, tra i protagonisti anche Donnie Yen nel ruolo del comandante Tung, Jason Scott Lee invece sarà Bori Khan, Yoson An come Cheng Hongui e Jet Li nel ruolo dell’imperatore della Cina. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie