15 dicembre 2019

Spettacoli

Chiudi

17.08.2019

«Quanto sarei disposto a fare per ottenere ciò che desidero?». In scena «È possibile»

«Perché chiedi cose così orrende? Perché c’è chi è disposto a farle». L’associazione a Filo d’Arte presenta «É possibile», il nuovo spettacolo in collaborazione con gli attori della Compagnia Teatrale Fildefer, per la regia di Matteo Golinelli. In scena al Chiostro di Sant’Eufemia da lunedì 19 a venerdì 23 agosto, alle 21, nell’ambito della rassegna «Teatro nei Cortili» promossa dal Comune.

 

Un uomo. Una stazione. E undici personaggi apparentemente slegati l’uno dall’altro ma accomunati da un grande desiderio che sembra irrealizzabile. Eppure, quello che appare solo un sogno può diventare possibile. Basta rispondere a quella domanda che ognuno porta con sé da sempre: «Quanto sarei disposto a fare, pur di ottenere ciò che desidero?».

Un interrogativo che si porrà il pubblico. Intreccio dopo intreccio. Emozione dopo emozione. L’idea dello spettacolo «É possibile» nasce dalla serie americana «The Both at the End» di Christopher Kubasik e si ispira liberamente al film «The Place» di Paolo Genovese.

Unico nel suo genere ed acclamato dalla critica nell’anteprima di presentazione, lo spettacolo non smette di stupire lo spettatore sino all’ultimo momento. «Perché il destino non costringe mai a cose orribili, a meno che noi non siamo disposti a farle».

Marco Cerpelloni
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1