08 luglio 2020

Spettacoli

Chiudi

14.05.2020

Isabella Caserta:
«Teatro Laboratorio
chiuso ma non fermo»

Isabella Caserta
Isabella Caserta

L'attrice e regista Isabella Caserta non è stata con le mani in mano durante la quarantena da coronavirus, così come lo staff della sua cooperativa con sede, ora chiusa, all'ex Arsenale e in trepida attesa di poter riaprire presto i battenti. Così l'artista, figlia d'arte del compianto Ezio Maria Caserta fondatore oltre mezzo secolo fa del Teatro Laboratorio-Teatro Scientifico, così racconta la clausura determinata dalla pandemia di Covid 19 e che però attraverso i sistemi di elettronici di collegamento, ha realizzato svariate iniziative.

 

«In questo periodo di isolamento, il Teatro Scientifico/Teatro Laboratorio ha continuato a lavorare da remoto dato che I teatri sono stati chiusi per l'emergenza sanitaria il 24 febbraio e non ancora riaperti - spiega la Caserta - Tutte le attività dei nostri spettacoli in tournée sono perciò state spostate a data da destinarsi o annullate così come gli spettacoli che avremmo dovuto ospitare. Abbiamo però continuato a lavorare da casa sia con le selezioni di giuria di In Box che è la rete del giovane teatro emergente di cui siamo partner, facendo riunioni che si sono tenute su piattaforme online e vedranno il vincitore il 23 maggio, stessa data in cui sarebbe dovuto tenersi l'evento dal vivo. Abbiamo quindi proseguito i laboratori di lettura espressiva e dizione con incontri sulle piattaforme online, mantenendo una continuità con il lavoro iniziato dal vivo ma ora possibile solo grazie alla tecnologia. La possibilità di sperimentare modalità differenti di comunicazione è stata comunque interessante e anche la consueta collaborazione con Ens Verona, l'ente nazionale sordi che ha anche sede a Verona, ci ha permesso di realizzare, con uscita su youtube il 25 aprile, un piccolo videobook "La nonna e i tedeschi" (qui il video), dal racconto di Share and Enjoy che fonde narrazione e lingua dei segni, quest'ultima curata dall'attrice non udente Alessandra Marigonda».

 

Per quanto riguarda gli spettacoli in cantiere, invece, il T/L si è messo a tavolino sempre da remoto sia per il prossimo titolo «Delitti», che per Clitennestra, quest'ultima che avrebbe dovuto debuttare per Estate Teatrale Veronese. Naturalmente, come tutti i colleghi teatranti, Caserta e C. non vedono l'ora di poter riprendere l'attività dal vivo nel l'abbraccio col pubblico e capire come poter riprogrammare la stagione. «Ho già pronta in bozza la settima edizione del Festival Non c'è Differenza - aggiunge la Caserta - che ogni anno si tiene per una settimana verso la fine di novembre è tratta i molteplici aspetti della diversità».

Michela Pezzani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie