27 gennaio 2020

Spettacoli

Chiudi

14.01.2020

Si è spento Mirandola, fu responsabile del coro

Il maestro Corrado Mirandola
Il maestro Corrado Mirandola

Il maestro Corrado Mirandola, per oltre un decennio - dal 1973 al 1983 - direttore del coro areniano, si è spento sabato scorso al Policlinico di Borgo Roma all’età di 95 anni. Era nato il 19 febbraio 1924 a Verona. Aveva compiuto i suoi studi al Conservatorio Verdi di Milano dove si era diplomato in direzione d’orchestra, coro, pianoforte e composizione e dove terminata la seconda guerra mondiale ottenne la direzione del coro nello stesso conservatorio. Migrò in Argentina nel 1950 dove suscitò subito grande stima a Corboba dirigendo il Requiem di Verdi (17 agosto 1950) e fondando il coro lirico del Teatro Rivera Indarte, alla cui guida vi rimase fino al dicembre 1959. Ritornato in patria nel 1961 il Grande Teatro La Fenice gli affidò la direzione del coro veneziano, ma nel contempo ottenne anche una cattedra al Conservatorio Dall’Abaco di Verona. Il sovrintendente Carlo Alberto Capelli lo nominò responsabile della formazione corale areniana nel 1973 per succedere al maestro Giulio Bertola chiamato alla Scala di Milano. Corrado Mirandola poté così essere partecipe della stabilità dell’organico allargato anche al Filarmonico, ottenuta da Cappelli nel 1974 e collaborare ai grandi successi in Arena di quel tempo con Simon Boccanegra, Sansone e Dalila, Tosca, Aida, Turandot, Boris Godunov, Lucia Lamermoor, Romeo e Giulietta, Cavalleria rusticana, Pagliacci, Il Trovatore, Mefistofele, La Giconda, Carmen, Rigoletto, Macbeth, Otello. Mirandola aveva anche partecipato alle fortunate tournée dell’Arena, alla Deutschlandhalle di Berlino del 1977, 1980 e Stadthalle di Vienna del 1980, 1982. Era molto conosciuto nel mondo della musica, non solo veronese. La cerimonia funebre avrà luogo alla basilica di Santa Teresa in Borgo Roma domani alle 15,45.

G.V.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1