26 febbraio 2020

Spettacoli

Chiudi

09.09.2019

La musica al cinema? Serve
a dare il senso di una scena

L’imminente uscita dei nuovi film a settembre ci offre l’occasione di sperimentare il rapporto fra musica e immagine. Quando la musica è utile solo per aumentare l’emozione ha un compito utile, ma non indispensabile. La colonna sonora in quel caso ha un ruolo accessorio, è qualcosa cui non facciamo troppo caso, che ci sia o no ciò che accade non cambia. Ma quando la musica ha una partecipazione attiva, diviene determinante per la dinamica drammaturgica. Un esempio chiarisce meglio questo concetto. Possiamo provare a guardare le lunghe meravigliose sequenze di sguardi intensi nei duelli dei film di Sergio Leone, senza e poi con la musica di Ennio Morricone. La musica ci induce a provare l’attesa, a percepire quel che passa nella testa dei protagonisti, addirittura la sensazione dell’atmosfera intorno, torrida. La scelta dell'assolo di tromba (dell'immenso Michele Lacerenza) in “Un pugno di dollari” non è sottofondo, è portatore di significato. Gli studi sull’opera ci hanno insegnato a cogliere il senso che i timbri degli strumenti musicali hanno acquisito nella storia del mondo occidentale. Il suono della tromba comunica una diversa serie di collegamenti stratificati, a partire dal fatto che la tromba è da sempre lo strumento che si collega alla rappresentazione del potere politico. Il bello è che la musica attiva da parte dello spettatore il completamento di elementi non chiariti dall’immagine, intuiti diversamente secondo le aspettative di ciascuno, che attraverso di essi mira a confermare e consolidare i suoi schemi mentali.

Elena Biggi Parodi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Qual è secondo voi la Grande opera più urgente per la città e che vorreste vedere realizzata per prima?
ok

Necrologie