12 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

21.10.2019

La «forma sonata» e la musica
che ti può entrare nel cuore

Un centinaio di persone ha assistito al Conservatorio al primo incontro del ciclo su «La forma sonata» tenuto ieri dallo stesso direttore, Federico Zandonà, poi ogni domenica fino al 17 novembre, alle 11. Così si dovrebbe studiare la musica a scuola, mentre, a differenza di altre arti e di altri interessi, sembra che nel nostro paese conoscere la musica significhi per forza divenirne i protagonisti, oppure limitarsi a farsi accarezzare dai suoni. Invece, tanto più nel caso della musica organizzata con un pensiero complesso, per goderla è utile comprendere come è costruita. Zandonà, compositore, ha aiutato il pubblico a entrarci dentro, con la proiezione della partitura, indicando il ritorno dei temi e il dialogo fra pianoforte e viola della bella sonata di Brahms op. 120 n.2 in mi bemolle maggiore, eseguita dai bravi Lucija Majstorovic e Vincenzo Starace. Una prima occasione di ascolto guidato, a partire dal senso di ciò che vuol dire “forma sonata”. È il rapporto con la musica teatrale che ha giocato un ruolo determinante nella cosiddetta “forma sonata”, a partire dalla seconda metà del Settecento. Realizzando, in tutti generi musicali, degli organismi coesi, in cui ogni parte serve per creare e poi sciogliere la tensione, come in un testo drammatico. Un’organizzazione musicale che verrà messa in crisi solo a fine secolo. Scomparsa la sicurezza ordinata del mondo di ieri, le associazioni libere d’idee condurranno nel Novecento a creazioni musicali sempre più vicine alla vita e alla psiche, in cui gli eventi si succedono senza una concatenazione logica.

Elena Biggi Parodi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1