16 giugno 2019

Spettacoli

Chiudi

03.06.2019

Vasco infiamma San Siro «Qui facciamo la storia»

Vasco Rossi a San Siro acclamato dai fan nella prima delle sei date milanesi del tour
Vasco Rossi a San Siro acclamato dai fan nella prima delle sei date milanesi del tour

MILANO Un giorno lontano qualcuno racconterà una storia iniziando con «c’era una volta Vasco...» ma non è detto che gli crederanno. Potrà mostrare i video, tentare di spiegare il suo mondo di eccessi e poesia, ma le sue parole migliori non riusciranno a rendere l’energia del concerto. Chi era allo stadio San Siro per la prima delle sei date milanesi del «Vasco Non Stop Live 2019» condivide un segreto con migliaia di fedeli del rock, pellegrini arrivati da tutta Italia per urlare col Komandante. Lui inizia puntuale, appare sul gigantesco palco in una nuvola di fumo e luci alla Blade Runner, arriva da un altro tempo. «Qui si fa la storia» è il titolo della prima traccia e la promessa per le successive due ore e mezza. Per i primi minuti sembra di precipitare da un palazzo alto 11 piani, come il palco, Vasco spara in sequenza «Mi si escludeva», «Buoni o cattivi», «La verità». Con «Quante volte» si riprende fiato ma dura un attimo, ci pensano «Cosa succede in città» e «Cosa vuoi da me» a far tremare i polsi. Vasco non è un reduce del rock, detta ancora la linea. «Io sto male e te lo voglio urlare» grida in «Vivere o niente», poi ruggisce nel microfono e sui maxischermo arriva il fuoco a sottolineare «Fegato spappolato». «Asilo Republic» e «La fine del millennio» scivolano veloci seguendo il tono punk-rock assicurato in conferenza stampa. In un attimo si è al primo interludio, il pubblico da sold out (58mila persone) accoglie la voce di Beatrice Antolini (una polistrumentista che in postazione ha più braccia della dea Kali) e il lungo assolo di chitarra di Steve Burns che dialoga con le tastiere di Alberto Rocchetti. Si ricomincia con «Portatemi Dio» e gli «Spari sopra», il light designer Giovani Pinna sceglie il rosso per sottolineare il momento, mentre la regia di Pepsy Romanoff accompagna il Blasco con una narrazione per immagini che non supera mai (per fortuna) le sue parole. «Io no, non ti lascerò mai» canta rivolto al suo pubblico e al momento di ’Rewind’ scoppiano reggiseni come i fuochi d’artificio della chiusura. Qualcuno arriva sul palco, Vasco ne afferra uno, lo bacia e lo rilancia indietro ringraziando. «Vivere» è una preghiera, Vasco si appoggia all’asta come in raccoglimento, è il suo inginocchiatoio. Il silenzio è interrotto solo dalla voce del venditore sugli spalti: «2 euro acqua». «In bocca al lupo a tutti, ce la farete tutti» è la benedizione di Vasco ai fan e poi saluta chi si è goduto lo spettacolo dall’alto: Massimo Riva, suo amico e chitarrista scomparso proprio 20 anni. «Ciao Massimo, sei sempre con noi». Chiude «Albachiara» e stavolta perfino i venditori egiziani si fermano per cantare. Vasco non ha dimenticato nulla. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1