26 maggio 2019

Spettacoli

Chiudi

27.04.2019

Esta, arriva l’orchestra d’archi In prima i brani di Gabriella Zen

L’orchestra Esta
L’orchestra Esta

L’idea di un’orchestra d’archi europea è stata presentata più volte in conferenze internazionali, fino dal 2009 a Vienna e in seguito in Croazia (2012), nei Paesi Bassi e a Malta (2018). L'orchestra d’archi è stata infine costituita quest’anno col titolo ESTA (European Strings Teachers Association) attraverso una selezione degli studenti di master nei Conservatori o Università della musica, che avessero raggiunto un alto livello tecnico e artistico, indipendentemente dall’affiliazione o meno ad ESTA. Una giuria internazionale, sotto la guida del maestro Alberto Martini, ha selezionato i musicisti partecipanti. Le prove dell’impegnativo programma, sono iniziate il 22 aprile scorso a Villa San Fermo di Lonigo, sotto la guida di tre maestri con funzione di “tutor”, dalla grande esperienza e con un curriculum di prestigio: il violinista Vincenzo Bolognese, spalla del Teatro dell’Opera di Roma, Francesco Fiore, già prima viola dello stesso teatro e da anni stretto collaboratore di Salvatore Accardo nei suoi progetti di musica da camera e Leonardo Sapere primo violoncello de I Virtuosi Italiani. Lo scorso anno l’orchestra d’archi di ESTA ha suonato al Consiglio d’Europa a Strasburgo in occasione della Giornata Internazionale della Donna. Quest’anno compirà un tour italiano: dopo il concerto di oggi all’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino di Cremona, sarà a Venezia il 1° maggio e il 2 maggio a Verona nella Sala Maffeiana del Filarmonico. Il programma che verrà eseguito sarà quello esclusivo del repertorio italiano, con una prima assoluta della compositrice veneziana Gabriella Zen, commissionata espressamente per questa occasione dalla Fondazione Esta International. Oltre alla novità assoluta, verranno eseguite musiche di Nino Rota, Ottorino Respighi e Giuseppe Verdi. Il Consiglio della Fondazione Esta International e il suo presidente maestro Werner Schmitt hanno deciso anche per il 2019 di assicurare il finanziamento necessario per la realizzazione del progetto. L'amministrazione e la logistica sono state affidate a Katarzyna Theus di Klangforum Schweiz, la direzione artistica per quest’anno va al maestro Alberto Martini. •

G.V.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1