29 gennaio 2020

Spettacoli

Chiudi

26.11.2019

Eric Reed nell’omaggio a Walton e Monk

Qualche appassionato lo ricorderà in una calda serata di giugno del 1992, quando lo ascoltammo con il settetto di Wynton Marsalis al Teatro Romano per Verona Jazz, ma stasera alle 21,30 il pianista Eric Reed sarà alle Cantine de l’Arena alla guida del suo quartetto con Piero Odorici al sax tenore, Dezron Douglas al contrabbasso e nientemeno che Roberto Gatto alla batteria. Dedicheranno il concerto a composizioni di Cedar Walton, Thelonious Monk ma non mancheranno celebri standards del repertorio americano oltre a numerosi pezzi scritti dagli stessi musicisti del gruppo. Reed è nato nel 1970 a Filadelfia in una famiglia di appassionati di musica, a due anni già suonava il piano e a cinque accompagnava le funzioni religiose all’organo. La svolta nella sua vita avvenne a soli sedici anni quando conobbe il trombettista Wynton Marsalis con cui iniziò di lì a poco a suonare dal vivo e con cui registrò cinque dischi tra il 1992 e il 1999. Dopo quell’esperienza suonò dal vivo con tanti grandi del jazz. Di lui Wynton Marsalis ha detto: “Mi è capitato di incontrare solo quattro o cinque persone con la sua abilità musicale”. Di Piero Odorici vanno ricordate le collaborazioni con alcuni big del jazz statunitense mentre Dezron Douglas è uno dei talenti emergenti più richiesti sulla scena jazzistica internazionale e Roberto Gatto è da molti anni fra i migliori batteristi jazz europei. •

L.S.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1