26 gennaio 2020

Spettacoli

Chiudi

15.05.2018 Tags: Casa Bianca , Feltrinelli , Las Vegas , Sanremo , Michele Torpedine , Andrea Bocelli , Ornella Vanoni , Giorgia , Cesare Ragazzi , Biagio Antonacci , Gianna Nannini , Gino Paoli , Pino Daniele , Federica Andreoli , Michele Calì , Fabio Testi , Zucchero , Cristiano De Andrè , Orietta Berti , Alberto Zeppieri , Antonio Bagnoli , Luciano Pavarotti , Ricomincio da Tre

Da Zucchero a Bocelli, il manager delle star spara a zero su tutti

Zucchero? «Era un cantante al capolinea… Io l’ho portato a vendere con un solo disco un milione e duecentomila copie». Bocelli? «Faceva pianobar… E io l’ho portato alla Casa Bianca, due volte, e a cantare a Las Vegas per un cachet pazzesco». E poi Giorgia, e tanti altri. «Nessuno di loro si è mai sentito in dovere di ringraziarmi».

Michele Torpedine non le manda a dire. Anzi, le ha scritte tutte sul libro di memorie “Ricomincio dai tre”, dove i tre sono quelli de Il Volo, l’ultima scoperta di un manager che ha lavorato con il meglio della musica italiana. Ad ascoltarlo, alla Feltrinelli, dove ha presentato il suo volume con il giornalista Alberto Zeppieri e il direttore editoriale Antonio Bagnoli, c’erano qualche centinaio di persone, tra cui Michele Calì, Fabio Testi, Federica Andreoli, Cesare Ragazzi e gli attori del film “Un amore così grande” che vede Il Volo tra i protagonisti.

Torpedine ha raccontato aneddoti su Zucchero e Pavarotti («Sugar non la racconta giusta su come è nato il suo duetto con Pavarotti in “Miserere”»), su Bocelli quando faceva pianobar e su Giorgia, passata da vocalist nella band del padre a vincitrice di Sanremo. Parole dure di un uomo che confessa: «La musica l'ho amata. E la amo ancora. Il mondo della musica meno, al di là del fatto che negli anni è tanto cambiato. Ma in fondo anch'io ho saputo cambiare con esso e così la vita mi ha regalato nuovi incontri e nuove idee, per continuare. In questo libro non dirò tutto, naturalmente. Dirò quel che basta per far annusare le atmosfere, le regole e le eccezioni di un ambiente difficile e crudele come sono tutti gli ambienti, specie quando i soldi che ci girano sono tanti. Dirò quel che basta per parlare un po' di me e di come le vite degli artisti che ho creato si sono intrecciate con la mia». In questo volume si viaggia lungo quarant'anni di grande musica italiana, quella che ha varcato i confini nazionali per affermarsi nel mondo.

Torpedine racconta se stesso e tutti i successi di cui è stato artefice, mettendosi a nudo senza remore, ma soprattutto parla con grande sincerità di grandi personaggi della musica leggera: dai suoi inizi con Orietta Berti a Gino Paoli, con cui ha iniziato a fare il mestiere di road manager, Ornella Vanoni con cui ha realizzato il tour di successo Vanoni & Paoli, e ancora Pino Daniele, Gianna Nannini, Luciano Pavarotti, Andrea Bocelli e Giorgia, Cristiano De Andrè, Biagio Antonacci.

Mille episodi inediti che li hanno visti protagonisti e che nemmeno i loro fan hanno mai conosciuto, fino ad arrivare alla sua ultima "creatura": Il Volo, il trio nato sotto la sua guida che sta ottenendo un successo mondiale.

Giulio Brusati
Correlati

Articoli da leggere

Puoi leggere anche

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1