29 settembre 2020

Spettacoli

Chiudi

10.08.2020

L’Estate Teatrale versione Covid regala a sorpresa tanti sold out

L’assessore Francesca Briani e il direttore Carlo MangoliniGigio Alberti e Claudio Bisio in «Ma tu sei felice?»
L’assessore Francesca Briani e il direttore Carlo MangoliniGigio Alberti e Claudio Bisio in «Ma tu sei felice?»

Un’edizione straordinaria, con spazi e spettacoli riadattati in «versione Covid». Un’edizione fortemente voluta dall’amministrazione comunale come regalo alla città dopo il lockdown, e non meno apprezzata dai veronesi che hanno partecipato numerosi alle serate. Il primo bilancio dell’Estate Teatrale Veronese, la rassegna estiva di prosa, musica e danza organizzata dal Comune, è infatti più che positivo. Si è conclusa venerdì 7 agosto l'anteprima del cartellone 2020 e, in attesa di riprendere dall’1 settembre concerti e rappresentazioni, si tirano le somme. Quello che, fino a qualche mese fa, sembrava un festival impensabile da realizzare, proprio per l’emergenza sanitaria, ha messo a colpo un sold out dietro l’altro, registrando oltre 4 mila presenze in poche settimane. Più di duemila gli spettatori dei primi 7 appuntamenti, in un Teatro Romano da 310 posti a serata. Sul palcoscenico, si sono susseguiti Claudio Bisio, Gigio Alberti, Paolo Rossi e Isabella Ferrari, ma anche le compagnie veronesi Cantieri Invisibili, Casa Shakespeare, Punto in movimento e Teatro Scientifico-Teatro Laboratorio. In scena con spettacoli nati durante il lockdown e presentati in prima nazionale, così come con riletture di Goldoni, Shakespeare e della Yourcenar. Nuove regole, con mascherine e distanziamento, ma anche nuove abitudini del pubblico. Il 99 per cento dei biglietti è stato acquistato in prevendita, di cui il 49 per cento online, sui siti geticket.it e boxofficelive.it. Una novità rispetto agli anni scorsi quando la maggior parte degli ingressi veniva acquistata di persona nei punti vendita o direttamente la sera dello spettacolo. E se il pubblico ha riempito il Teatro Romano nella sua versione inedita, con le gradinate scoperte e una scenografia minimale per lasciare sullo sfondo la città, anche il Chiostro di Santa Eufemia si è dimostrato vincente. Una location inedita per il festival, interamente dedicata ai giovani e ai professionisti veronesi, con soli 99 posti a sera. Ben 2.270 gli spettatori che hanno partecipato ai 29 appuntamenti in programma, 20 di InChiostro Vivo curati da A.Li.Ve. e 9 del cartellone principale. Tutto esaurito per più della metà delle serate. A sorpresa, la danza ha messo in fila tutti sold out con Iuvenis Danza, Foov Dance Company, Arte3, Diversamente in danza, Elisa Cipriani e Luca Condello. Con InChiostro Vivo si sono susseguiti 4 concerti per Voci Bianche, 4 esibizioni del Coro Giovanile, 1 serata con le giovani soliste di A.Li.Ve., 4 concerti di musica da camera e 7 spettacoli tra prosa e teatro di figura. La musica è proseguita con il quartetto d’archi dell’Orchestra Machiavelli, che ha saputo fondere le musiche di Schubert e il rock degli Iron Maiden. I 5 appuntamenti teatrali hanno visto in scena gli allievi del Teatro Stabile del Veneto e le compagnie veronesi Mitmacher, Eadem Produzioni e Modus Produzioni, che hanno portato all’attenzione del pubblico il linguaggio poetico dei Sonetti di Shakespeare, il mito dell’Iliade e il rapporto tra musica e teatro, grazie anche a due progetti sulle figure dimenticate di Alma Mahler e Antonio Salieri. «Siamo estremamente soddisfatti di questi primi risultati», dichiara l’assessore alla Cultura Francesca Briani. «In un anno difficile come quello che stiamo vivendo, con tutte le limitazioni imposte, non erano affatto scontati. Le proposte presentate hanno confermato che la città scaligera, con il suo festival, è un punto di riferimento per la cultura a livello nazionale. I tre eventi di apertura con i grandi nomi della scena italiana hanno portato il giusto equilibrio tra momenti di svago, oggi quanto mai necessari, e finestre di riflessione e di autentica poesia. La sezione ‘Professione spettacolo Verona’ ha dimostrato la vivacità della scena artistica veronese. Siamo felici del successo registrato anche al Chiostro di Sant’Eufemia. Questo dimostra che siamo sulla strada giusta, i nostri giovani vanno valorizzati e incentivati a venire a teatro». «Voglio ringraziare tutti coloro che hanno scelto di partecipare ai nostri spettacoli», aggiunge il direttore artistico Carlo Mangolini. «Confesso che vedere gli spettatori arrivare agli orari stabiliti, fare la coda ordinatamente con le mascherine e rispettare tutte le norme del distanziamento sociale mi ha dato una forte emozione e un senso di profonda gratitudine. Chi va a teatro, oggi più che mai, lo fa con consapevolezza e senso di responsabilità, conscio dell’importanza di questa scelta, soprattutto per garantire la ripresa dell’intero comparto dello spettacolo dal vivo. Un’emozione condivisa con tutti gli artisti che hanno dato vita a delle repliche uniche, per intensità e voglia di stare sul palco dopo mesi di inattività. Ora l’appuntamento è per il primo settembre per una ventina di giorni consecutivi di danza, musica e teatro ininterrotti». •

Alessandra Galetto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie