20 novembre 2019

Spettacoli

Chiudi

23.05.2019

X-Men e la rabbia femminile «Dark Phoenix», gran finale

Le attrici Sophie Turner e  Jessica Chastain
Le attrici Sophie Turner e Jessica Chastain

Arriva il gran finale della saga degli X-Men nella versione realizzata dalla 20th Century Fox (con l’acquisizione della società da parte della Disney, i diritti sono tornati alla Marvel, che sta già pensando al reboot). L’ultimo capitolo, di un viaggio, tra sequel e prequel, iniziato nel 2000, è «X-Men: Dark Phoenix» di Simon Kinberg, con Sophie Turner, James McAvoy, Jessica Chastain, Jennifer Lawrence e Michael Fassbender in uscita il 6 giugno. Una resa dei conti che vede in prima linea più che mai le donne, attraverso la parabola di Jean Grey (Turner), mutante che, dopo aver acquisito un nuovo immenso e incontrollabile potere, si trova contro quella che considera la sua famiglia e una nuova letale minaccia. Alla base c’è la saga sui fumetti della Fenice nera che aveva già ispirato «X-Men - Conflitto finale» (2006). «Mi piace che in Dark Phoenix si esplori la rabbia femminile, le donne non vengono mostrate come caramelline zuccherose. È un aspetto poco raccontato, ma senza buio non c’è la luce» spiega Jessica Chastain che incarna una misteriosa e pericolosa aliena. Per l’attrice, da sempre mobilitata sui temi del #metoo, il maggiore spazio dato da Hollywood in queste storie alle donne, «non è merito degli studios, che avrebbero potuto cambiare le cose tanto tempo fa, ma del pubblico. Ha dimostrato, andando a vedere film come Wonder Woman, Black Panter, Captain Marvel di volere supereroi di ogni genere e etnia». Sophie Turner (reduce anche dalla fine de «Il trono di spade»), ama essere in un film nel quale «sia la protagonista che l’antagonista (Chastain) sono donne. Jean Grey è un essere umano a tutto tondo, pieno di difetti, un’accurata rappresentazione di quello che è una donna. È fantastico che questi due personaggi femminili sembrino dare ognuna potere all’altra». Un incontro/scontro che coinvolge anche il Dottor Xavier (McAvoy), Magneto (Fassbender), Mystica (Lawrence), Bestia (Nicholas Hoult), Ciclope (Tye Sheridan), Nightcrawler (Kodi Smit-McPhee), Tempesta (Alexandra Shipp) e Quicksilver (Evan Peters). Per Fassbender, «se un uomo è di carattere lo considerano forte, se lo è una donna si pensa sia una piantagrane». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1