28 gennaio 2020

Spettacoli

Chiudi

04.12.2019

NoFX e Body Count a Rock The Castle

I Body Count con Ice-T (foto Dirk Behlau)
I Body Count con Ice-T (foto Dirk Behlau)

Dal punk rock dei NoFX al metal dei Body Count con l’attore-cantante Ice-T: è solo la punta dell’iceberg di un’altra monumentale giornata di rock internazionale a Rock the Castle, la manifestazione in programma fra giugno e luglio 2020 al castello di Villafranca. Dopo aver annunciato nelle scorse settimane le «teste di serie» dei giorni 27-28 giugno e 4-5 luglio, cioè Judas Priest e Lynyrd Skynyrd, Avantasia e Mercyful Fate, si aggiunge una nuova giornata: venerdì 26 giugno, all’insegna del punk e del metal contaminato. In cima al cartellone, i NoFX, storica punk band californiana guidata da Eric Melvin (chitarra e «urlo alla Mel») e Fat Mike (voce e basso), con El Hefe (altra chitarra elettrica) ed Erik Sandin (batteria). Arrivano dalla West Coast e incidono per due etichette discografiche che hanno fatto la storia del punk rock indipendente americano: Fat Wreck Chords ed Epitaph. E anche se ai NoFX sono arrivate offerte da major discografiche, non hanno mai firmato (in un disco, tra le note, scrivevano proprio così, citando una delle loro canzoni di maggior successo: «Ce la siamo cavata bene senza di voi in tutti questi anni, e allora lasciateci in pace!». Il loro ultimo disco con brani inediti è “First ditch effort”: una colata di punk melodico ultraveloce. Prima di loro, al Rock the Castle, il 26 giugno ci saranno i Body Count con Ice-T, una delle metal band più «pesanti» di sempre, di base a Los Angeles e composta da musicisti afroamericani. A guidarli, il cantante-rapper-attore conosciuto anche come Tracy Marrow, il Detective Tutuola di “Law & Order”. Il loro nome è esploso nel ’92 con “Cop killer”, uno dei brani più controversi nella storia del rock. Riunitisi nel 2009, i Body Count sono da sempre schierati contro la brutalità della polizia americana verso la gente di colore:; purtroppo il loro messaggio (ascoltabile nei dischi “Manslaughter” del 2014 e “Bloodlust” del 2017) è quanto mai attuale. La loro presenza al Rock the Castle indica l’apertura mentale della manifestazione: i Body Count stanno al lato opposto dello spettro musicale e politico occupato dai «sudisti» Lynyrd Skynyrd. Il 26 giugno sono attesi anche Suicidal Tendencies (punk rock da Venice, California), Millencolin (ancora punk, ma dalla Svezia), Agnostic Front (hardcore punk, da New York) e The Inspector Cluzo (rock funk metal dalla Francia). I biglietti per la data del 26 giugno saranno in prevendita dalle 10 di domani u Ticketone.it. •

GBR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1