28 gennaio 2020

Spettacoli

Chiudi

13.11.2019

«Frozen 2», il futuro è donna e insegna a non arrendersi

Giuliano Sangiorgi alla presentazione di «Frozen 2»
Giuliano Sangiorgi alla presentazione di «Frozen 2»

ROMA Si fa presto a dire «Frozen 2 - Il segreto di Arendelle» e a liquidare il tutto dicendo che, dopo sette anni, arriva in sala dal 27 novembre il sequel del campione di incassi Disney ancora a firma di Chris Buck e Jennifer Lee (ora direttrice creativa della Walt Disney Animation dopo le dimissioni di John Lasseter). In realtà ieri alla conferenza stampa di questo film di animazione si è parlato davvero di tutto, come non accade neppure per i film d’autore: futuro, passato, amore, figli, omosessualità, mondo femminile e rispetto della natura. E tutto nel segno di «il futuro è donna» e del non arrendersi mai. Presenti all’incontro, oltre ai registi, il produttore Peter Del Vecho, l’attrice-cantante Serena Rossi (che dà la voce alla principessa Anna), Enrico Brignano, che presta ancora una volta la voce a Olaf e il cantautore Giuliano Sangiorgi autore de «Nell’Ignoto» che si sente nei titoli di coda. Sono trascorsi tre anni da «Frozen - Il Regno di Ghiaccio» e la cittadina di Arendelle sembra aver trovato la pace. Elsa ha ormai imparato a governare i suoi straordinari poteri di ghiaccio, mentre la sorella Anna è felice di aver trovato in Kristoff l’amore. Ora mentre le due sorelle, il pupazzo di neve Olaf, Kristoff e l’alce Sven stanno giocando, Elsa viene distratta da un canto misterioso che proviene dalla foresta. Una voce angelica che non smette di tormentarla per giorni e giorni. Così per capire da dove viene quella voce la principessa di Arendelle, Anna, insieme ad Elsa e i suoi compagni d’avventura decidono di dirigersi a nord, verso un nuovo regno dove domina l’autunno, per scoprire la causa della morte dei suoi genitori e l’origine del suo incredibile potere. «Nel primo Frozen - spiega il regista Buck - abbiamo sviluppato i personaggi mentre in questo ci siamo divertiti a fare un po’ un musical di Broadway. In questo tipo di film è normale inserire il mondo che ci circonda con attenzione: sappiamo del potere di queste opere sui giovani». «Lo spirito di non arrendersi mai e dell’amore che vince su tutto è qualcosa che vogliamo si percepisca in questo film», dice la Lee. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1