29 gennaio 2020

Spettacoli

Chiudi

15.11.2019

Enzo Staiola per tutti il piccolo Bruno Ricci

Enzo Staiola in «Ladri di biciclette»
Enzo Staiola in «Ladri di biciclette»

Il bambino più celebre della storia del cinema italiano compie ottant’anni. Infatti, nonostante oggi Enzo Staiola, nato Roma il 15 novembre 1939, sia un comune pensionato, nella memoria collettiva rimarrà sempre il piccolo Bruno Ricci, figlio di Lamberto Maggiorani in «Ladri di biciclette» (1948), capolavoro di Vittorio De Sica premiato con l’Oscar come Miglior film straniero nel 1950. Figlio di un fioraio della Garbatella, Enzo fu scelto dal regista per puro caso (De Sica lo notò, letteralmente, mentre camminava per strada): aveva solo otto anni e divenne famosissimo. Recitò in un’altra decina di pellicole, fra cui «Vulcano» di William Dieterle (1950), «Cuori senza frontiere» di Luigi Zampa (1950), «Il ritorno di don Camillo» di Julien Duvivier (1953) e «La contessa scalza» di Joseph L. Mankiewicz (1954), ma, con l’arrivo dell’adolescenza, terminò anche la sua carriera. Così Staiola lasciò la recitazione e diventò un impiegato del Catasto di Roma, apparendo giusto in un paio di film minori («Spade senza bandiera», 1961 e «La ragazza dal pigiama giallo», 1977) e nei successivi documentari dedicati al Neorealismo. La sua eredità cinematografica resta però intangibile grazie allo sguardo incredulo e disperato del piccolo Bruno, simbolo innocente di un’Italia umiliata e offesa, a cui, davanti alle ingiustizie patite, non resta davvero altro che piangere, asciugarsi le lacrime e infine ricominciare da capo. •

A.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1