29 gennaio 2020

Spettacoli

Chiudi

10.12.2019

Franco Branciaroli è Falstaff, eroe tragicomico da Shakespeare

Franco Branciaroli in «Falstaff e il suo servo»
Franco Branciaroli in «Falstaff e il suo servo»

Stasera (10 dicembre) alle 20.45 al Teatro Nuovo, per la rassegna Il Grande Teatro, va in scena «Falstaff e il suo servo» di Nicola Fano e Antonio Calenda con la regia dello stesso Calenda. Lo spettacolo, tratto da Shakespeare, ha per protagonisti Franco Branciaroli (Falstaff) e Massimo De Francovich (il servo) ed è prodotto dal centro Teatrale Bresciano, dal Teatro degli Incamminati e dal Teatro Stabile d’Abruzzo.

 

Lo spettacolo ripercorre gli ultimi giorni di vita di Falstaff prima della sua tragica morte raccontata nell’Enrico V. Vengono così evocate tutte le sue avventure. Il Servo assume il ruolo di regista-demiurgo (tale era lo stesso Shakespeare quando metteva in scena i suoi copioni con i Lord Chamberlain’s Men) mentre Falstaff assume quello di eroe tragicomico, biglia impazzita nel gioco della vita. Ne viene fuori un catalogo delle beffe («tutto il mondo è beffa» dirà lucidamente il Falstaff di Verdi-Boito) subite dal personaggio fino all’epilogo drammatico: la rottura con l’amico /allievo di sempre, Enrico, e il ritrovarsi in solitudine, lontano da quella guerra di Agincourt dove tutti gli altri – non lui – conquisteranno gloria eterna. Naturalmente, in questa cavalcata nella propria vita, Falstaff avrà accanto i sodali che Shakespeare gli aveva assegnato: le allegre comari di Windsor, l’ostessa e soprattutto i compagni di bevute Bardolph e Francis.

 

Lo spettacolo replica tutte le sere alle 20.45 fino a sabato 14 dicembre, e domenica 15 dicembre alle 16. Biglietti in vendita al teatro Nuovo, Box Office, circuito Geticket, sportelli Unicredit e on line su www.geticket.it. Giovedì 12 dicembre alle 18 gli attori incontrano il pubblico nel foyer del Teatro Nuovo ad ingresso libero.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1