26 maggio 2019

Spettacoli

Chiudi

11.05.2019

Alla Capitolare il primo mercatino del libro

Mercatino del libro alla Capitolare (Saglimbeni)
Mercatino del libro alla Capitolare (Saglimbeni)

Una monografia sulla storia della Capitolare al tempo di Usicino - quando tutto ebbe origine -, un testo su Gregorio Magno e le radici cristiane, un catalogo sul restauro del portale del Vescovado di Verona, un volume antologico su "I manoscritti della Biblioteca Capitolare". Ma anche cartoline ricordo con riproduzioni di codici antichi e stampe sull'iconografia Rateriana. Si trova proprio di tutto al primo Mercatino del Libro della Biblioteca Capitolare, allestito oggi nel Chiostro dei Canonici, e aperto dalle 10.30 alle 17, anche domani.

 

Un successo la prima giornata di vendite, partecipata da molti veronesi accorsi con la propria sporta, per accaparrarsi i testi più interessanti o di disponibilità limitata. Cataloghi e pubblicazioni di argomento storico-artistico interamente provenienti dal magazzino della Capitolare, proposti a prezzi vantaggiosissimi, da 1 a 10 euro, fino ad esaurimento scorte. A ogni acquisto verrà consegnato un buono sconto per partecipare all'esposizione temporanea organizzata insieme a Fondazione Discanto, nell'adiacente biblioteca, sempre oggi e domani. Un weekend di visite guidate (informazioni al recapito 388 5758902 o all'indirizzo info@capitolareverona.it) tra i misteri di questo gioiello cittadino, luogo di avventure per il quale sono passati illustri personaggi - Dante Alighieri, Francesco Petrarca, Bernardino da Siena, Scipione Maffei e molti altri -, e che nei secoli è stato teatro di sia di sparizioni e vicende drammatiche, che di ritrovamenti ed eventi lieti.

 

In mostra saranno diversi codici e testi che costituiscono testimonianza preziosa e concreta di questa lunga storia: dal codice di Ursicino, alle Istitutiones di Gaio (un palinsesto del VI sec.), l’Orazionale dell’arcidiacono Pacifico, l’iconografia Rateriana (la più antica rappresentazione grafica di Verona), uno splendido corale miniato del XIV secolo, un incunabolo dantesco e un codice con le più significative opere di Petrarca. E ancora, una copia del testamento dell’illustre Scipione Maffei, uno dei codici scelti per essere portato a Parigi nel 1797, e due volumi con i segni dell’alluvione del 1882 e della seconda guerra mondiale. In entrambe le giornate sono previsti un turno di visite guidate al mattino (ore 11.30) e uno al pomeriggio (ore 16) al costo di 10 euro. Nelle fasce orarie 10.30-11.30 e 12.30-15 sarà possibile accedere all’esposizione senza guida, al costo di 5 euro.

Francesca Saglimbeni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1