15 settembre 2019

Spettacoli

Chiudi

22.08.2019

«Apocalypse Now-Final Cut» Il capolavoro restaurato in 4K

Martin Sheen in una foto di scena del film «Apocalypse Now»
Martin Sheen in una foto di scena del film «Apocalypse Now»

Nel 1979, 40 anni fa usciva nelle sale cinematografico uno dei più grandi capolavori della storia del cinema, «Apocalypse Now», considerato il più grande film sulla guerra in Vietnam. Quarant’anni dopo quello stesso film, diretto da Francis Ford Coppola, esce in una nuova versione, restaurata ed in 4K. E nelle sale italiane il prossimo autunno distribuito dalla Cineteca di Bologna. «Apocalypse Now-Final Cut», ossia il montaggio finale, è stato presentato per la prima volta la primavera scorsa al Tribeca Film Festival di New York ed ha una durata di poco oltre tre ore, più lungo quindi della versione originale. «Apocalypse Now-Final Cut» è il film che Coppola stesso ha definito la «versione perfetta». Era infatti convinto che la versione originale del 1979 fosse troppo tagliata e mentre Redux (una versione non integrale) risultasse troppo lunga. Così ha deciso di rimettere mano non solo al montaggio, ma anche di restaurare suono e immagine a partire dal negativo originale. Il film vanta un cast eccezionale con Martin Sheen, Marlon Brando, Dennis Hopper, Robert Duvall, Harrison Ford e inizialmente avrebbe dovuto essere girato nel 1970 da George Lucas, mentre era ancora in corso il conflitto nel Vietnam. Le scene furono girate nelle Filippine e si dice anche che durante le riprese del film, anche a causa dello stress psicofisico, Coppola ebbe una crisi epilettica. Temeva anche che non venisse completato. Lui stesso investì molti soldi nella produzione e in tre diverse occasioni minaccio di volersi uccidere. Per completare il montaggio del film ci vollero ben due anni. «Dato che l’originale di Apocalypse Now non era solo lungo ma anche insolito nello stile e nella sostanza per un film dell’epoca - spiega Coppola - abbiamo pensato di tagliare». Il regista ha aggiunto che alcuni anni fa gli è capitato di guardarlo di nuovo e si è reso conto che il film era diventato più “contemporaneo”. «Mi capitava spesso di pensare che l’originale del 1979 fosse stato accorciato troppo brutalmente e che Redux fosse troppo lungo, così mi sono deciso a favore di quella che mi sembra la versione perfetta, Apocalypse Now - Final Cut». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1