18 luglio 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

27.03.2019

Salvini e la virata
sul bimbo-eroe

Matteo Salvini ha cambiato idea ed ha promesso la cittadinanza italiana a Ramy, l'eroe del salvataggio degli studenti del bus incendiato dall'autista. La notizia ci rallegra, chiude bene un'avventura drammatica, avrà un'eco positiva, aumenterà la già altissima popolarità del vicepremier. Perché ha fatto retromarcia? Non è da Salvini, non è in linea con la sua predicazione e la sua azione. Che Ramy, e gli altri eroi di questa impresa, meritassero un premio, nessun dubbio. Sono stati coraggiosi e bravi, più coraggiosi e bravi di quanto, al loro posto, sarebbero stati molti di noi che ora li giudichiamo. Meritano un premio. Ma la cittadinanza italiana è il premio giusto? La cittadinanza italiana, per me che sono italiano, stabilisce che chi la riceve è mio fratello, mi vuol bene e mi protegge, gli voglio bene e lo proteggo, rispetta o non contraddice la nostra Costituzione. Ci sono tante famiglie islamiche in Italia che hanno la cittadinanza e noi italiani ne siamo fieri, perché vuol dire che il nostro modello di vita, di studio, di società, ha un potere attrattivo, quelle famiglie han fatto complicati viaggi e hanno spezzato la loro storia per entrare a farne parte. Ma quando leggo che ci sono bambine di queste famiglie che, finita la terza media, spariscono dall'Italia, perché sono state rimpatriate nei Paesi d'origine e costrette a sposare qualche adulto che neanche conoscono io non posso non pensare che in questo caso la cittadinanza sia stata data incautamente. La si dovrebbe dare a chi sa cos'è, la chiede, la merita, non la tradisce.Ramy sa cos'è? Non la tradirà? La merita? In un primo tempo Salvini ha detto «no». Ma la risposta giusta è che Ramy ha superato l'esame. Le norme prevedono che si possa dare la cittadinanza allo straniero che abbia compiuto qualche atto di «eminente servigio all'Italia» e di «eccezionale interesse per lo Stato». Ha compiuto questo atto Ramy? Certo che sì: ha contribuito a salvare la vita a mezzo centinaio di compagni. Lo spirito della norma intende che con quel gesto lo straniero dà attuazione a quei principi civili e morali che sono nella nostra Costituzione, si comporta applicandola. Vien voglia di dire: «È come noi», ma anche di correggere: «È meglio di noi». Ora Salvini dice: «È come mio figlio». Non so come sia il figlio di Salvini, ma se è così, complimenti per il figlio. Ed anche a Salvini se il dietrofront non è frutto di sondaggi a tavolino. Sta di fatto che Ramy ha superato l'esame. Quando ha fatto quel gesto, non sapeva nulla della cittadinanza. Perciò il suo gesto è altamente meritorio. Da italiano.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa
Cominciamo
a ridurre il debito
Finanza creativa
ad alto rischio
Difesa legittima
un labile confine
Un Presidente
vicino ai veronesi
La solitudine
di un angelo
Conti pubblici
l'Italia al bivio
L'ultimatum
dell'avvocato
Una città
da serie A
Quando il pedale
univa il Paese
Il monito
di Visco
La nuova Europa
e il peso di Roma
Il grande fratello
entra nell'asilo
Dove ci porta
il duello con l'Ue
Città, provincia
e il vento del Nord
Scossa in Europa
terremoto a Roma
Per l'Unione
e per Roma
Al Teatro Romano
in scena l'assurdo
Londra e Olanda:
sorpresa exit poll
Il Paese, i conti
e il voto europeo
Il padre ucciso
per legittima difesa
Guerra fredda
nel governo
La priorità
della fiducia
L'onda populista
e i conti dell'Italia
Salvini e Conte,
lite sui migranti
Voto e giustizia,
duello nel governo
Se la corsa al voto
accende lo spread
Lite verso il voto
E i conti ballano
Bene i selfie
ma ora i fatti
Cina e America
il duello globale
Allarme lavoro
l'Italia si spacca
Se i migranti
non aiutano Salvini
Separati in casa
I guai del governo
Politica e giustizia
l'eterno duello
La città raccolga
le sfide della Fiera
Salvini e Di Maio
duello senza fine
Debito pubblico
Italia nella spirale
I nuvoloni neri
del nostro debito
Nella morsa della paura
Se l'Italia abolisce
la nota sul registro
La sfida di Guaidò
Caos in Venezuela
Intese con la Cina
Rebus sull'Italia
Voto in Spagna
l'Europa a lezione
Province addìo?
A volte ritornano
Quando la difesa
diventa legittima
Quale Europa,
al voto nel silenzio
Liberazione sì,
ma dai disonesti
Se c'è il divorzio
per «infelicità»
L'ombra che pesa
sul nostro futuro
Gli alleati
azzoppati
La potenza
dei sondaggi
Troppe vacanze
non fanno bene
Iva, non c'è due
senza Tria
Caos in Libia
allerta terrorismo
La reputazione
dell'Italia
Se la scuola
diventa un incubo
Il caos in Libia
allarma l'Italia
Dove conduce
la Via della Seta
Il libro dei sogni
e la dura realtà
La tassa piatta
e il voto di maggio
Tagliare le tasse
serve un piano
Tante parole,
ma poi i fatti?
Decreto banche
sfida sui rimborsi
La lezione
di Chicago