18 novembre 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

17.10.2019

Più show che lotta
tra i due Matteo

Se un marziano avesse acceso martedì sera la tv, sintonizzandosi sul salotto di Bruno Vespa, dove i due Matteo, Renzi e Salvini, si lanciavano stilettate velenose e sorrisi al vetriolo, avrebbe avuto due certezze. La prima: quella di trovarsi di fronte a leader in lotta per la premiership del Paese, come se Conte fosse stato già traslocato da Palazzo Chigi. La seconda: di essere piombato nel bel mezzo di una campagna elettorale. Entrambe cose, nella realtà, completamente false. Anzi, la seconda solo parzialmente non vera, perché nel Paese dove un mese sì e l'altro pure si vota, solo in una regione, peraltro assai piccola, la campagna elettorale si trova effettivamente alle battute finali. E anche in questo caso il voto rischia di avere effetti nazionali. Ma al di là del test regionale di domenica prossima, la sensazione è che Salvini e Renzi più che un vero e proprio "duello" abbiano messo in scena l'ennesima fiction della politica italiana. E già questo basterebbe per sintetizzare l'anomalia della politica italiana. Nei Paesi anglosassoni o negli Stati Uniti, il confronto in diretta fra i candidati, non è solo una consuetudine ma addirittura un obbligo. Nessun politico si sognerebbe di rifiutare uno scontro ad armi pari in tv per conquistare il consenso degli elettori. Da noi, invece, dire di no ad un duello elettorale è ormai la regola. Messa in pratica da Berlusconi fin dal 2001, quando non accettò il confronto con Prodi sostenendo che i confronti all'americana si fanno solo quando si è in svantaggio. E, allora, perché lo scontro fra i due Matteo? La verità è che entrambi avevano più di una ragione per duellare. Salvini vuole recuperare punti e credibilità dopo le follie del Papeete, fra mojito e proclami, fino all'apertura, in pieno agosto, della crisi di governo. Renzi, diventato invece uno degli azionisti principali del nuovo esecutivo giallo-rosso, ha tutto l'interesse a far conquistare spazio e popolarità alla sua nuova creatura politica, Italia Viva, che langue nei sondaggi (si attesta sul 4%) e che cerca un rilancio con la nuova convention della Leopolda nel fine settimana. Nessun problema, per carità, è lecito per il leader di un partito utilizzare tutti gli strumenti per accreditarsi e trovare nuovi spazi di consenso. Quello che è meno lecito, però, è contribuire a confondere ulteriormente l'opinione pubblica, continuando quel teatrino della politica che ha alimentato il fuoco dell'anti-politica. Ben vengano i duelli in diretta tv, ma quando fanno gli interessi dei cittadini.

di ANTONIO TROISE
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Crisi industriali
Italia disarmata
L'impeachment
scuote l'America
Una pioggia,
ma di mazzette
Mai abbassare
la guardia
Destino dell'ex Ilva
Italia alla prova
Cosa significa
essere italiani
Scelte della Bce
l'Italia trema
Quegli insulti a Liliana Segre
Evasori, carità
e triade maledetta
Rebus Brexit in riva all’Adige
Quei 39 fantasmi
morti nel tir
I figli all'estero,
la nostra sconfitta
Più show che lotta
tra i due Matteo
La fuga di cervelli parte dal Nordest
Curdi, ebrei
e l'Europa assente
Un buon inizio
ma strada in salita
Tra Ue e Usa
c'è la questione cinese
Il Bengodi
dei ciabattoni
Divise le poltrone si pensi al Paese
Il dilemma politico
dell'Eurozona
La rivoluzione
in retromarcia
La sfida del Veneto
è avere peso a Roma
Questione fiscale
al primo posto
Annega a 18 anni nel Garda
Intesa su Conte-bis
ma i programmi?
Precari a spasso
e neo prof in classe
La partita
delle anomalie
Trump, Cina e G7
Una partita aperta
I politici e l'Italia,
mondi paralleli
L'economia
e la demagogia
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese