18 settembre 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

22.07.2019

Non si devono
indebolire i forti

La lettera di Conte ai lombardi e ai veneti merita una risposta dura. Poiché la Costituzione ammette l'autonomia regionale differenziata e, allo stesso tempo, difende l'omogeneità nazionale delle condizioni territoriali, va perseguita l'armonizzazione tra i due criteri, ma non limitando il primo fino ad annullarlo. Conte, invece, ha voluto marcare la prevalenza del secondo anticipando in modo soggettivo un parere della Corte costituzionale che però non è stato ancora scritto in base all'esame di costituzionalità di una legge approvata dal Parlamento.Pertanto Conte ha fatto un atto politico coperto dalla presunzione di incostituzionalità. Questa non è una mediazione finalizzata all'armonizzazione tra sistema e sue parti, ma un tatticismo politichese. Da un lato, è comprensibile che il premier voglia evitare un conflitto aperto tra questioni meridionale e settentrionale. Dall'altro, è evidente che stia parteggiando per la continuazione del modello di assistenzialismo del Sud, difeso dal M5S, finanziato dal Nord nonché del centralismo inefficiente. I dati mostrano una preoccupante crisi del settore manifatturiero concentrato per gran parte in Lombardia, Veneto ed Emilia. Tali territori sono in concorrenza con tanti altri a livello globale. O migliorano le condizioni fuori dai cancelli delle fabbriche o crescerà il rischio di un crollo della competitività. Per migliorarle, con localizzazione mirata delle misure (infrastrutture, formazione, incentivi all'adeguamento tecnologico, ecc.) le Regioni devono avere autonomia decisionale e risorse fiscali. La situazione è quasi d'emergenza e richiede un rafforzamento rapido dei forti per mantenerli tali, considerando che qualora si indebolissero verrebbe a mancare il traino che regge la crescita dell'Italia, vista l'insufficienza di quello del Sud e del Centro.In realtà è tecnicamente possibile armonizzare l'autonomia fiscale e competitiva delle regioni più industriali con la necessità di finanziare le parti deboli della nazione: i soldi per i contributi di solidarietà nazionale ci sarebbero, ma alla condizione che nel Sud vengano ridotti gli immani sprechi e ci sia una gestione efficiente del denaro nonché dei programmi europei. Si nega l'autonomia al Nord produttivo, votata pur in forma consultiva, mettendo a rischio tutta l'economia nazionale e non si fa uno sforzo per una riforma di efficienza nel Sud? Ci sono i motivi per una mobilitazione di imprese, sindacati ed elettori. www.carlopelanda.com

di CARLO PELANDA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Divise le poltrone si pensi al Paese
Il dilemma politico
dell'Eurozona
La rivoluzione
in retromarcia
La sfida del Veneto
è avere peso a Roma
Questione fiscale
al primo posto
Annega a 18 anni nel Garda
Intesa su Conte-bis
ma i programmi?
Precari a spasso
e neo prof in classe
La partita
delle anomalie
Trump, Cina e G7
Una partita aperta
I politici e l'Italia,
mondi paralleli
L'economia
e la demagogia
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa
Cominciamo
a ridurre il debito
Finanza creativa
ad alto rischio
Difesa legittima
un labile confine
Un Presidente
vicino ai veronesi
La solitudine
di un angelo
Conti pubblici
l'Italia al bivio
L'ultimatum
dell'avvocato
Una città
da serie A
Quando il pedale
univa il Paese
Il monito
di Visco
La nuova Europa
e il peso di Roma
Il grande fratello
entra nell'asilo
Dove ci porta
il duello con l'Ue
Città, provincia
e il vento del Nord
Scossa in Europa
terremoto a Roma
Per l'Unione
e per Roma
Al Teatro Romano
in scena l'assurdo