22 novembre 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

23.08.2019

La responsabilità
dei governi

In settimana, nel Wyoming, ci sarà la riunione annuale dei banchieri centrali del mondo dedicata alle nuove sfide della politica monetaria in un momento dove l'economia globale mostra tendenze recessive, turbolenze conflittuali nonché anomalie finanziarie mai viste prima, in particolare rendimenti inversi dei titoli di debito, il tutto nell'ambito di un processo di de-globalizzazione, cioè del ritorno di barriere nazionali nei flussi mondiali del capitale. Cosa potrà realmente fare la politica monetaria per contrastare la tendenza globale verso il disordine e quella recessiva in tutte le nazioni o blocchi regionali come l'Eurozona? La teoria recita che per contrastare una crisi economica, e la conseguente deflazione, bisogna aumentare la liquidità a basso costo nel sistema. Ma tale tipo di liquidità c'è già in quantità enormi perché immessa da anni per reflazionare i sistemi dopo la crisi del 2008. Inoltre gli analisti tecnici hanno avuto modo di osservare che lo strumento di liquidità- il "bazooka"in gergo- ha poco effetto se i modelli economici non rendono fluido il trasferimento del denaro a basso costo alle unità economiche e produttive. Infatti, da anni, i banchieri centrali avvertono i governi che la politica monetaria ha limiti e che devono integrare lo stimolo monetario con uno di politica fiscale, inteso come detassazione e/o massicci investimenti pubblici. Scenario: i banchieri centrali immetteranno, come stanno già facendo in più nazioni e nell'Eurozona, ancora più liquidità nel sistema, ma senza una politica fiscale correlata e una riduzione delle turbolenze e degli ostacoli ai commerci, nonché massicci investimenti di riqualificazione del capitale umano per adeguarlo alle nuove tecnologie, l'effetto antirecessivo sarà minimo. Inoltre, c'è il rischio che la svalutazione delle monete a seguito della riduzione del costo del denaro porti ad una guerra economica diffusa con l'esito di aumentare i dazi che, soffocando i flussi economici globali, porteranno ad un inasprimento della crisi in ogni nazione. Pessimismo? Non ancora. Il danno per ogni nazione dell'aumento della conflittualità internazionale e dell'inerzia stimolativa dei governi si sta facendo evidente e sta inducendo nei politici al potere il timore di perderlo. Pertanto c'è una speranza che i primi effetti recessivi inducano i governi a riconvergere e attuare politiche fiscali interne stimolative, ricostruendo la fiducia economica che ora manca. www.carlopelanda.com

di CARLO PELANDA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Razzismo, lezione da Ezio Greggio
Quota 100 e vincoli
frenano i Comuni
Salvini, la sinistra e le sardine
Se pure i 5 Stelle
cadono sulla casa
Crisi industriali
Italia disarmata
L'impeachment
scuote l'America
Una pioggia,
ma di mazzette
Mai abbassare
la guardia
Destino dell'ex Ilva
Italia alla prova
Cosa significa
essere italiani
Scelte della Bce
l'Italia trema
Quegli insulti a Liliana Segre
Evasori, carità
e triade maledetta
Rebus Brexit in riva all’Adige
Quei 39 fantasmi
morti nel tir
I figli all'estero,
la nostra sconfitta
Più show che lotta
tra i due Matteo
La fuga di cervelli parte dal Nordest
Curdi, ebrei
e l'Europa assente
Un buon inizio
ma strada in salita
Tra Ue e Usa
c'è la questione cinese
Il Bengodi
dei ciabattoni
Divise le poltrone si pensi al Paese
Il dilemma politico
dell'Eurozona
La rivoluzione
in retromarcia
La sfida del Veneto
è avere peso a Roma
Questione fiscale
al primo posto
Annega a 18 anni nel Garda
Intesa su Conte-bis
ma i programmi?
Precari a spasso
e neo prof in classe
La partita
delle anomalie
Trump, Cina e G7
Una partita aperta
I politici e l'Italia,
mondi paralleli
L'economia
e la demagogia
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello