25 agosto 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

17.04.2019

La reputazione
dell'Italia

L'Italia è criticabile per troppo debito pubblico e bassa crescita. Ma è del tutto fuori dalla realtà sostenere che sia una mina per la stabilità economica globale come affermato la scorsa settimana dalla francese Martine Lagarde a capo del Fondo monetario internazionale. Sono altrettanto esagerati- e più politici che tecnici- i ripetuti commenti da parte di esponenti della Commissione europea che l'Italia sia un rischio per l'Eurozona. Infatti Mario Draghi si è sentito in dovere di replicare a Lagarde, ma anche alla Commissione, che l'Italia ha tutti i mezzi e la forza per (ri)rimettersi in ordine e sulla via della crescita. Vero: se ci fosse un governo serio la tendenza al declino economico dell'Italia sarebbe presto invertita. Ma l'evidente gap di consistenza del governo, peggiorato dalla sua incoerenza, fa scrivere a tanti analisti che difficilmente Roma lo farà e ciò crea un problema di reputazione che sta deprimendo il vitale ciclo degli investimenti esteri. Da un lato, è visibile l'interesse di alcune nazioni a peggiorare l'immagine dell'Italia per condizionarne la politica. Dall'altro, però, la politica italiana sta dando ai detrattori buoni argomenti. Dal 2011 sono stati tagliati circa 50 miliardi di investimenti pubblici per mantenere la spesa corrente improduttiva. Il debito pubblico è salito alle stelle e lo stesso governo prevede che la spesa annua per interessi salirà dai 64 miliardi a quasi 75 nel prossimo triennio. Invece di finanziare con deficit la detassazione stimolativa, nel 2018 il governo ha usato il deficit stesso per aumentare la spesa assistenziale, facendo temere agli analisti che la finanza pubblica andrà fuori controllo.Nel progetto di bilancio per il 2020 ora all'esame del Parlamento i numeri sono ambigui, le passività nascoste e la stimolazione alla crescita irrisoria. Per recuperare reputazione è necessaria un'azione comunicativa che mostri i punti di forza dell'Italia, per esempio lo status di potenza industriale globale, con tenuta contingente dell'export meglio della Germania, e che la somma tra debito pubblico e privato è tra le minori nel mondo. Ma per rendere efficace tale comunicazione ci vuole un governo che metta in priorità lo sviluppo e non lo spreco assistenziale nonché l'equilibrio di bilancio. Solo così l'Italia riconquisterà la reputazione- rating e gli investimenti esteri- che la sua popolazione produttiva merita, questa sempre più inquieta per il declino. www.carlopelanda.com

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa
Cominciamo
a ridurre il debito
Finanza creativa
ad alto rischio
Difesa legittima
un labile confine
Un Presidente
vicino ai veronesi
La solitudine
di un angelo
Conti pubblici
l'Italia al bivio
L'ultimatum
dell'avvocato
Una città
da serie A
Quando il pedale
univa il Paese
Il monito
di Visco
La nuova Europa
e il peso di Roma
Il grande fratello
entra nell'asilo
Dove ci porta
il duello con l'Ue
Città, provincia
e il vento del Nord
Scossa in Europa
terremoto a Roma
Per l'Unione
e per Roma
Al Teatro Romano
in scena l'assurdo
Londra e Olanda:
sorpresa exit poll
Il Paese, i conti
e il voto europeo
Il padre ucciso
per legittima difesa
Guerra fredda
nel governo
La priorità
della fiducia
L'onda populista
e i conti dell'Italia
Salvini e Conte,
lite sui migranti
Voto e giustizia,
duello nel governo
Se la corsa al voto
accende lo spread
Lite verso il voto
E i conti ballano
Bene i selfie
ma ora i fatti
Cina e America
il duello globale