14 ottobre 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

06.12.2018

La presa in giro
ad Alta velocità

Nella Prima Repubblica quando il governo non voleva decidere si creava una commissione. Nella Terza, si fa un comitato. Con la partecipazione, tanto per non scontentare nessuno, di tutte le parti in causa. Tutto bene se non si trattasse di posti di lavoro e investimenti e se non fosse in gioco un'opera che vale 9 miliardi e che dovrebbe rendere più connesso il nostro Paese all'Europa. Invece, ancora una volta sulla Tav, la linea ferroviaria ad alta velocità fra Torino e Lione, va in scena il copione dell'eterno rinvio. Con buona pace delle imprese che avevano puntato su questa infrastruttura per tirarsi fuori dalle secche della recessione e dei lavoratori che avrebbero dovuto essere impegnati nei cantieri per uscire dalla disoccupazione. Fa bene il governo ad ascoltare le ragioni di tutti, dai Sì-Tav, ieri ricevuti a Palazzo Chigi dopo essere scesi in piazza a Torino, ai più No-Tav, che continuano ad avere un filo diretto con M5S, fin dall'inizio ostili alla realizzazione di questa infrastruttura. Ma quello che non si può accettare è l'idea di continuare a prendere tempo. Impegnandosi a completare entro dicembre l'esame dei costi-benefici dell'opera ma facendo slittare a prima delle elezioni europee ogni decisione.Esiste una contabilità del consenso elettorale che non è compatibile con le regole del mercato e con quelle di un Paese che vuole rimboccarsi le maniche e trovare la strada della ripresa. Ma non basta. Perché sulla Tav bisogna fare anche i conti con l'Europa e l'altro socio dell'Italia che si trova al di là delle Alpi, la Francia. Roma e Parigi hanno già chiesto alla Ue più tempo per far partire i bandi di gara per i nuovi cantieri ma difficilmente Bruxelles potrà concedere ulteriori proroghe. Del resto, fermare la Tav, potrebbe costare ai contribuenti italiani più che il suo completamento. Dalle prime stime l'uscita dell'Italia dal progetto comporterebbe la restituzione di circa due miliardi fra risorse ottenute dall'Ue, quelle già spese dai francesi e gli inevitabili ricorsi da parte delle imprese aggiudicatarie dei lavori. Senza contare i fondi necessari per mettere in sicurezza le opere già realizzate. Un prezzo già altissimo dal punto di vista economico, ancora più pesante se si considera anche la perdita di credibilità del nostro Paese rispetto agli impegni assunti. Sarebbe più opportuno decidere senza più rinvii spingendo le due anime della maggioranza a giocare a carte scoperte. Una partita più impegnativa ma che eviterebbe al Paese la sgradevole sensazione di essere preso in giro.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
La fuga di cervelli parte dal Nordest
Curdi, ebrei
e l'Europa assente
Un buon inizio
ma strada in salita
Tra Ue e Usa
c'è la questione cinese
Il Bengodi
dei ciabattoni
Divise le poltrone si pensi al Paese
Il dilemma politico
dell'Eurozona
La rivoluzione
in retromarcia
La sfida del Veneto
è avere peso a Roma
Questione fiscale
al primo posto
Annega a 18 anni nel Garda
Intesa su Conte-bis
ma i programmi?
Precari a spasso
e neo prof in classe
La partita
delle anomalie
Trump, Cina e G7
Una partita aperta
I politici e l'Italia,
mondi paralleli
L'economia
e la demagogia
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa
Cominciamo
a ridurre il debito
Finanza creativa
ad alto rischio
Difesa legittima
un labile confine
Un Presidente
vicino ai veronesi
La solitudine
di un angelo
Conti pubblici
l'Italia al bivio
L'ultimatum
dell'avvocato
Una città
da serie A
Quando il pedale
univa il Paese
Il monito
di Visco
La nuova Europa
e il peso di Roma
Il grande fratello
entra nell'asilo