25 agosto 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

13.06.2019

Il valore
della libertà

Mobilitarsi a Hong Kong, provincia dell'universo. Dall'altra parte del globo, a diecimila chilometri dall'Italia, è in corso una protesta popolare senza precedenti che conferma una verità senza confini: la democrazia, «il peggior regime esistente, tolti tutti gli altri» - come ammoniva il paradossale Winston Churchill - non è mai una conquista per sempre. Bisogna difenderla e poi difenderla e poi ancora difenderla. Il caso esploso sotto le telecamere del mondo è esemplare per tutti quei Paesi, moltissimi e per fortuna crescenti, che hanno imparato a considerare non negoziabile il valore della libertà. Un valore che anche gli sballottati abitanti di questo piccolo territorio asiatico a Sudest della Cina hanno avuto l'opportunità di far proprio per oltre centocinquant'anni, quando Hong Kong apparteneva, pur con tutti i grandi e gravi limiti illiberali della colonia, alla Gran Bretagna. Ma il 1° luglio 1997 la sovranità fu trasferita da Londra a Pechino, e Hong Kong è diventata una sorta di regione speciale amministrata dalla Cina. Non così speciale, tuttavia, da indurre la sua popolazione (poco più di sette milioni di cittadini, un microcosmo in confronto al miliardo e quasi quattrocento milioni di cinesi) a dimenticare i diritti acquisiti per storia e per vita vissuta. Ecco perché sono scesi in piazza più di un milione di persone contro un disegno di legge dell'esecutivo filo-cinese che rende più facile l'estradizione a Pechino di indagati a Hong Kong. Se il testo -per ora sospeso- passasse nel locale Parlamento, la Repubblica popolare cinese potrebbe processare nei suoi tribunali i residenti sospettati della regione annessa ventidue anni fa. La scusa invocata dal governo è quella di poter meglio colpire i criminali. Ma il rischio evidente -obietta l'opposizione- è che si finisca per comprimere le libertà civili e l'indipendenza giudiziaria faticosamente costruite all'insegna del criterio "un solo Paese, due sistemi". Sarebbe una violazione dello statuto a beneficio esclusivo dell'ingerenza di Pechino, denuncia la gente che si ribella a Hong Kong, luogo da tutti conosciuto come centro finanziario internazionale, ma ora anche per la più grande contestazione contro l'invadente Cina. «È una rivolta», dice il capo della polizia sugli scontri. Per poi giustificare l'uso di idranti e spray al peperoncino pur di disperdere la folla in un giorno straordinario di ordinaria difesa della libertà.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa
Cominciamo
a ridurre il debito
Finanza creativa
ad alto rischio
Difesa legittima
un labile confine
Un Presidente
vicino ai veronesi
La solitudine
di un angelo
Conti pubblici
l'Italia al bivio
L'ultimatum
dell'avvocato
Una città
da serie A
Quando il pedale
univa il Paese
Il monito
di Visco
La nuova Europa
e il peso di Roma
Il grande fratello
entra nell'asilo
Dove ci porta
il duello con l'Ue
Città, provincia
e il vento del Nord
Scossa in Europa
terremoto a Roma
Per l'Unione
e per Roma
Al Teatro Romano
in scena l'assurdo
Londra e Olanda:
sorpresa exit poll
Il Paese, i conti
e il voto europeo
Il padre ucciso
per legittima difesa
Guerra fredda
nel governo
La priorità
della fiducia
L'onda populista
e i conti dell'Italia
Salvini e Conte,
lite sui migranti
Voto e giustizia,
duello nel governo
Se la corsa al voto
accende lo spread
Lite verso il voto
E i conti ballano
Bene i selfie
ma ora i fatti
Cina e America
il duello globale