20 ottobre 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

30.05.2019

Il grande fratello
entra nell'asilo

Arriva l'obbligo di installare le telecamere negli asili d'infanzia e nelle case di riposo per anziani e disabili. Finalmente. Gran bella notizia. Perché mette pace nelle nostre coscienze turbate dalle troppe immagini viste di nascosto di bambini picchiati dalle maestre d'asilo e di vecchi maltrattati dagli inservienti negli ospizi. Francamente, non ne potevamo più. L'idea che il personale di cura e di servizio nei posti più delicati della società trattasse con disprezzo le persone più importanti delle nostre famiglie (figli piccolissimi, vecchi fragilissimi, ambedue bisognosi di tutto e capaci di niente) turbava le nostre giornate. Troppo spesso vedevamo, nei tg nazionali o locali, le maestre dei bambini e gli infermieri dei vecchi trattare i nostri cari con un'ostilità che prima ho chiamato disprezzo, ma disprezzo è una parola troppo tenue, perfino dolce. La maestra che picchia con i pugni sulla nuca un bambino d'asilo, mandandolo a sbattere con la fronte contro il muro, non lo disprezza, ma lo odia. L'infermiere che insulta un vecchio non autosufficiente, ricordandogli «fra due giorni sarai morto», non lo disprezza, ma lo odia, e non vede l'ora che muoia. Sono maestre e infermieri sbagliati. Non dovrebbero fare quel mestiere. Noi gli affidiamo i nostri bambini e i nostri nonni, consegnandoli dalla casa alla scuola o all'ospizio come in una prosecuzione della famiglia, un posto dove avvertiranno lo stesso amore e la stessa cura che godono in famiglia. E invece quelli si sentono malvisti, mal sopportati, insultati e picchiati.Possono servire a qualcosa le telecamere? Certo che sì: questo brutto comportamento le maestre e gli infermieri lo applicano perché si sentono non-visti, hanno la certezza di poter fare quello che vogliono, che non ne renderanno conto a nessuno. Adesso la presenza delle telecamere gli darà la sensazione di essere continuamente spiati. Faranno il loro dovere. Dite che non lo faranno per amore ma per obbligo? Non importa, purché lo facciano. Abbiamo visto bimbi con un la febbre vomitare il pranzo, e maestre che li costringevano a reingoiarlo. C'è stato un errore nella selezione di queste maestre, queste non dovevano essere assunte. Ora non resta che scoprirle e scacciarle. Le telecamere servono. Abbiamo visto una nonnina trascinata per le braccia da due infermiere che litigavano fra di loro, che poi la lasciavano cadere a terra per litigare meglio: con le immagini delle telecamere licenziamole in tronco. Noi vogliamo bene ai nostri bambini e ai nostri vecchi.

di FERNANDO CAMON
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Più show che lotta
tra i due Matteo
La fuga di cervelli parte dal Nordest
Curdi, ebrei
e l'Europa assente
Un buon inizio
ma strada in salita
Tra Ue e Usa
c'è la questione cinese
Il Bengodi
dei ciabattoni
Divise le poltrone si pensi al Paese
Il dilemma politico
dell'Eurozona
La rivoluzione
in retromarcia
La sfida del Veneto
è avere peso a Roma
Questione fiscale
al primo posto
Annega a 18 anni nel Garda
Intesa su Conte-bis
ma i programmi?
Precari a spasso
e neo prof in classe
La partita
delle anomalie
Trump, Cina e G7
Una partita aperta
I politici e l'Italia,
mondi paralleli
L'economia
e la demagogia
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa
Cominciamo
a ridurre il debito
Finanza creativa
ad alto rischio
Difesa legittima
un labile confine
Un Presidente
vicino ai veronesi
La solitudine
di un angelo
Conti pubblici
l'Italia al bivio
L'ultimatum
dell'avvocato
Una città
da serie A
Quando il pedale
univa il Paese
Il monito
di Visco
La nuova Europa
e il peso di Roma