17 novembre 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

08.11.2019

Destino dell'ex Ilva
Italia alla prova

La bufera che viene da Taranto, dove si trova il più importante stabilimento per la lavorazione dell'acciaio in Europa- «ex Ilva» è il suo ormai celebre nome di battaglia- rappresenta al meglio l'esempio di una classe dirigente che da tempo ha rinunciato ad una politica industriale. Pur essendo l'Italia una delle potenze economiche in questo campo grazie all'intraprendenza e alla creatività di una società che produce, agisce ed esporta a prescindere e spesso nonostante la miopia dei governi di turno. I quali governi, oltretutto, durano in media un anno e mezzo (statistica dal 1994: in precedenza duravano nove mesi) e perciò ai grandi investitori italiani o stranieri viene a mancare di continuo il terreno sotto i piedi. Ossia quella stabilità istituzionale che consente ai ministri di seguire i grandi progetti internazionali e agli imprenditori di poter operare con regole certe e un futuro mai legato alla caduta di una maggioranza politica. «Serve un Paese unito per salvare l'ex Ilva», dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, salito al Quirinale per parlare della crisi esplosa sul colosso d'acciaio, che è diventato il prioritario interesse nazionale. L'azienda franco-indiana Arcelor Mittal che ha la responsabilità del polo industriale in Puglia, «in nessun modo s'impegna a produrre più di 4 milioni di tonnellate d'acciaio l'anno e chiede 5mila esuberi», ha riferito il ministro dello Sviluppo, Stefano Patuanelli, in un'incandescente aula della Camera. «Andate a casa voi, non gli operai», la protesta della Lega. Il centrodestra accusa l'esecutivo giallorosso d'aver offerto lo spunto per l'annunciato addio della multinazionale, togliendo lo scudo penale che esenta da responsabilità pregresse e altrui nell'attuazione del piano ambientale. «Lo reintroduciamo ad horas», rilancia il premier, che minaccia una «battaglia giudiziaria del secolo» a fronte- ammonisce- del mancato rispetto degli impegni firmati un anno fa. Impegni per una maggiore produzione, salvaguardando l'ambiente e il lavoro. Due aspetti che da anni la politica non ha saputo conciliare né programmare, aprendo la via agli interventi della magistratura. Sull'ex Ilva s'è così scatenato un balletto di decisioni conflittuali tra i poteri giudiziario e legislativo. Ma il destino di migliaia di occupati e la loro salute non viaggiano su binari separati. Salvaguardare il primato italiano nell'acciaio significa impedire una crisi sociale e industriale catastrofica per tutti. www.federicoguiglia.com

di FEDERICO GUIGLIA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
L'impeachment
scuote l'America
Una pioggia,
ma di mazzette
Mai abbassare
la guardia
Destino dell'ex Ilva
Italia alla prova
Cosa significa
essere italiani
Scelte della Bce
l'Italia trema
Quegli insulti a Liliana Segre
Evasori, carità
e triade maledetta
Rebus Brexit in riva all’Adige
Quei 39 fantasmi
morti nel tir
I figli all'estero,
la nostra sconfitta
Più show che lotta
tra i due Matteo
La fuga di cervelli parte dal Nordest
Curdi, ebrei
e l'Europa assente
Un buon inizio
ma strada in salita
Tra Ue e Usa
c'è la questione cinese
Il Bengodi
dei ciabattoni
Divise le poltrone si pensi al Paese
Il dilemma politico
dell'Eurozona
La rivoluzione
in retromarcia
La sfida del Veneto
è avere peso a Roma
Questione fiscale
al primo posto
Annega a 18 anni nel Garda
Intesa su Conte-bis
ma i programmi?
Precari a spasso
e neo prof in classe
La partita
delle anomalie
Trump, Cina e G7
Una partita aperta
I politici e l'Italia,
mondi paralleli
L'economia
e la demagogia
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa