12 novembre 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

10.06.2019

Cominciamo
a ridurre il debito

L'Italia soffre il peccato originale di aver aderito all'euro prima di essere pronta a reggerne la disciplina a causa di due difetti strutturali: debito eccessivo e modello economico con bassa produttività. Sarebbe stato meglio annunciare nel 1999 un'adesione differita di un decennio per risanare il sistema usando una più ampia sovranità di bilancio e monetaria, senza per altro svalutare eccessivamente la lira per non destabilizzare il mercato unico. Tale scelta avrebbe probabilmente portato il debito verso un sostenibile 75% del Pil (oggi è al 130%) e la crescita media sopra un decente 1,5%. Inoltre, avrebbe permesso una conversione della lira in euro più favorevole, evitando il calo di quasi il 40% dei valori patrimoniali e del risparmio italiano. Chi scrive portò sui giornali, dal 1996 al 1999, questo tema del «rinvio per poter convergere», ma si sentì rispondere dalla politica dei tempi che l'Italia doveva esserci già da subito per non essere esclusa dall'europotere e che, comunque, non c'era il consenso per modificare in senso più produttivo il modello economico: meglio entrare in un sistema che manteneva basso il costo del debito piuttosto che tentare riforme interne per abbatterlo.Ci sono motivi per non criticare troppo i politici del tempo, ma anche per dire che fecero un errore tragico per l'economia italiana, che da allora accelerò il declino. La rigidità interna ed esterna costrinse ad impiegare tra i 60 e 70 miliardi annui per pagare gli interessi del debito invece che investirli in infrastrutture, educazione e competitività industriale. Nel 2019 dovremmo riconoscere il peccato originale e, dopo 20 anni, mettere in priorità la sua rimozione. Ovviamente non uscendo dall'euro perché sarebbe catastrofico. Allora come?Lo ha indicato Mario Draghi con una dichiarazione nel ruolo di presidente della Bce, ben più importante della Commissione: non si chiede all'Italia di ridurre subito e di tanto il debito perché è impossibile, ma di farlo gradualmente. Significa: è interesse dell'Eurozona evitare una crisi dell'Italia perché distruggerebbe l'euro. Pertanto, basterebbero una minima disciplina di bilancio, un piano credibile di riduzione del debito e di incremento della produttività per evitare guai. In conclusione, il governo dovrebbe capire che gli viene data la possibilità di un risanamento fattibile ed euroconvergente, motivo per abbandonare stranezze eurodivergenti. www.carlopelanda.com

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Mai abbassare
la guardia
Destino dell'ex Ilva
Italia alla prova
Cosa significa
essere italiani
Scelte della Bce
l'Italia trema
Quegli insulti a Liliana Segre
Evasori, carità
e triade maledetta
Rebus Brexit in riva all’Adige
Quei 39 fantasmi
morti nel tir
I figli all'estero,
la nostra sconfitta
Più show che lotta
tra i due Matteo
La fuga di cervelli parte dal Nordest
Curdi, ebrei
e l'Europa assente
Un buon inizio
ma strada in salita
Tra Ue e Usa
c'è la questione cinese
Il Bengodi
dei ciabattoni
Divise le poltrone si pensi al Paese
Il dilemma politico
dell'Eurozona
La rivoluzione
in retromarcia
La sfida del Veneto
è avere peso a Roma
Questione fiscale
al primo posto
Annega a 18 anni nel Garda
Intesa su Conte-bis
ma i programmi?
Precari a spasso
e neo prof in classe
La partita
delle anomalie
Trump, Cina e G7
Una partita aperta
I politici e l'Italia,
mondi paralleli
L'economia
e la demagogia
Nuovo governo,
la strada del Colle
Il buio di una crisi
e i conti del Paese
Dagli slogan
alla responsabilità
I conti della politica
e quelli del rigore
La responsabilità
dei governi
La stella polare
del Quirinale
Politica distante
dal Paese reale
Sbarchi, i decreti
che non risolvono
La strategia
del colpo di scena
Non servono
i giochi di Palazzo
Equilibri
sotto pressione
A chi giova
andare alle urne
Le incognite
per l'Italia
Strappo di Salvini
Ma Conte lo sfida
C'è il «sì» alla Tav
Caos nel governo
L'abisso
dell'America
Sì sulla Sicurezza
E ora la sfida Tav
Italia a rischio
compressione
La nuova svolta
del Cavaliere
Nuovo dialogo
con l'Europa
I nostri figli,
questi sconosciuti
L'Italia è fermo
e il governo litiga
Asse Londra-Usa
e il grande assente
La dodicesima
coltellata
Un super stimolo
per l'economia
Avanti con la Tav
C'è il sì all'Europa
Hanno ucciso
un nostro eroe
In mare 150 morti
e l'Europa assente
Se il governo
finisce in stallo
Conte promuove
l'Alta velocità
Tav e cantieri
sfida nel governo
Non si devono
indebolire i forti
Il nuovo sogno
ora è Marte
Italia in panne:
o crisi o pace
Il codice rosso
a tutela delle donne
L'Europa riparte
con una donna
Taglio delle tasse
sfida dal Viminale
Un Paese
da riparare
Choc Mihajlovic
La sfida più dura
Crisi di nervi
a Palazzo
Amia, casse vuote
e cassonetti pieni
Se in terza media
si ignora l'italiano
Se il tricolore
ritorna a volare
Stop agli sbarchi
con le navi militari
La spinta di Trump
sulle nomine Ue
Migranti, tocca
alla nuova Europa
La prima vittoria
del presidente
Se la Libia rilascia
ottomila migranti
Meno male che
c'è l'Alta velocità
Carola è libera
i nodi invece no
La capitana
e Antigone
Export, la Ue apre
al Sudamerica
La legge del mare
e quella dell'Italia
Quei ladri
di bambini
Sui migranti
Italia sempre sola
In freezer c'è solo
il nostro governo
Un esame
per il Paese
La crescita frena,
l'euro preoccupa
Olimpiadi 2026
la nuova sfida
La lezione
del presidente
Nascite e conti
doppia recessione
Se il Medioevo
entra a Palazzo
Il puzzle di Agsm?
Si deve rilanciare
I guai di Trump
e i rischi con l'Iran
Europa e Usa,
Roma alla prova
Il maestro
del bello
Sgambetto
al Cavaliere
Truffe agli anziani
la pena raddoppia
Il valore
della libertà
La centralità
delle imprese
La rivoluzione
del calcio in rosa
Cominciamo
a ridurre il debito
Finanza creativa
ad alto rischio