23 agosto 2019

Provincia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

12.07.2019

«Rifiuti free», veronesi tra i virtuosi

Il municipio di Concamarise, tra i Comuni al top della classifica «Rifiuti free»
Il municipio di Concamarise, tra i Comuni al top della classifica «Rifiuti free»

Essere Comuni ricicloni, ovvero adottare criteri di raccolta differenziata, non basta più. Da due anni Legambiente premia le comunità «Rifiuti free», dove ogni cittadino produce fino a un massimo di 75 chili di residuo secco all’anno, indifferenziato da smaltire in discarica. In Italia sono 547 i Comuni Rifiuti free, l’anno scorso erano 505. L’aumento è condizionato dai comportamenti virtuosi adottati in particolare degli enti locali del Nord, dove si passa da 386 territori liberi dai rifiuti a 421 (+ 9%). Secondo gli ultimi dati Ispra (Rapporto rifiuti urbani 2018) in Italia la produzione dei rifiuti rimane alta, con 487 kg ad abitante l’anno. Il Veneto è la Regione che differenzia di più (74%), seguito da Trentino Alto Adige (72%), Lombardia (70%) e Friuli Venezia Giulia (65,5%). Le comunità virtuose aumentano in Trentino Alto Adige (+25 Comuni), Emilia Romagna (+11), Piemonte e Veneto (+10), con 169 enti locali segnalati, pari al 30%, con 1,3 milioni di abitanti coinvolti sul totale di 4,9. La Lombardia perde 16 Comuni Rifiuti free. Tra i capoluoghi di provincia solo tre rientrano nei parametri: Treviso, Pordenone e Belluno. Verona rimane stabile. A Roma il 27 giugno hanno strappato il titolo di Comuni Rifiuti free, suddivisi in tre categorie, 25 enti locali; un anno fa erano 24. In Veneto, nella fascia con meno di 5mila abitanti, troviamo: Concamarise, Palù, Salizzole, San Pietro di Morubio, Roverchiara, Erbè, Fumane, Nogarole Rocca, Sorgà, Marano di Valpolicella, Isola Rizza, Belfiore, Terrazzo, Angiari, Rivoli Veronese, con una percentuale di differenziato variabile tra l’87,4% di Concamarise, dove gli abitanti conferiscono in discarica solo 41,7 chili di secco all’anno pro capite e Rivoli, dove si differenzia il 79,4%, con 75 chili di secco. Tra gli enti locali con popolazione variabile tra i 5 e i 15mila abitanti ci sono: Vigasio, Sant’Ambrogio, Casaleone, Isola della Scala, San Giovanni Ilarione, Nogara e Oppeano. Solo due oltre i 15mila abitanti: Sona e Sommacampagna, con differenziata tra l’81,7% e l’83,9%. Il Comune di Pescantina era in elenco e ne è uscito quest’anno. Buona performance del Consorzio di bacino Verona Due del Quadrilatero: 15esimo in Veneto tra gli enti che aggregano oltre 100mila utenti. Il consorzio di Bussolengo si occupa di raccolta e smaltimento per 46 Comuni da 357.818 abitanti, che differenziano il 74,4%. Ancora elevato il secco da discarica: 136,5 chili anno. Meglio fa Esacom di Nogara, tra i consorzi con meno di 100mila utenti, in settima posizione con l’84,4% di differenziata e 63,6 chili di secco. •

Valeria Zanetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo le dimissioni del premier Conte, si è aperta la crisi di governo. Secondo voi, cosa è meglio fare?
ok

Spettacoli

Sport