08 dicembre 2019

Provincia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

29.10.2019

In provincia tre tragici avvenimenti

In provincia di Verona si sono verificati alcuni incidenti mortali causati dalla gestione erronea di cisterne. Il 18 gennaio di quest’anno, in un’autocisterna parcheggiata in via Pasubio a Villafranca, è stato trovato il corpo esanime del camionista che avrebbe dovuto di lì a poco entrare in una ditta non distante per effettuare un carico. Darko Stanisljevic, 44 anni, dipendente di una ditta di Bergamo, la sera prima si era calato nell’autocisterna per ripulirla, senza aprire i bocchettoni della ventilazione. All’interno però era presente azoto, che l’uomo ha respirato perdendo i sensi. Il 17 marzo del 2007 persero la vita a Tregnago, per aiutarsi l’un l’altro, Adriano Lonardelli, di 56 anni, e il figlio Roberto, ventiseienne. I due volevano ripulire dai residui di farine una vecchia cisterna di un’autobotte acquistata per essere interrata e trasformata in serbatoio d’acqua al servizio di un frutteto. All’interno della cisterna non era rimasto ossigeno se non in minima parte, come poi rilevato dai vigili del fuoco, che non hanno potuto che constatare il decesso dei due uomini.

FR.MAZ.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie