mercoledì, 11 dicembre 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

25.07.2011

Trecento in corsa sulla via delle Aquile


 Isacco Piubelli primo, incurante della nebbia e della pioggia
Isacco Piubelli primo, incurante della nebbia e della pioggia

Non li ferma nessuno. Nemmeno i temporali e il freddo che hanno avolto il Baldo tra sabato e ieri mattina. Tutto perfetto al secondo Trail della Speranza sul Sentiero delle tre Aquile, 282 atleti più una cinquantina di amatori, 24 chilometri di corsa dal Rifugio Novezzina di Ferrara di Monte Baldo (quota 1.235) a Tratto Spino di Malcesine (quota 1.750) stazione di monte della Funivia Malcesine-Monte Baldo, dove i primi arrivi sono stati alle 10,40 e le premiazioni alle 12,30.
Organizzata dal Gruppo sportivo dilettantistico (Gsd) Valdalpone - quelli della Montefortiana -, col supporto di Funivia, Comune di Ferrara e Ctg, la gara ha riscosso successo. «Iniziativa bella, come le nostre montagne che promuove, corsa ben segnalata, tecnica, impegnativa, resa più difficoltosa dal freddo», ha detto Isacco Piubelli, 29 anni di Cellore di Illasi, della Atl Insieme New Foods di Bussolengo, primo (2:09:34). Stessi toni per la prima donna, Lisa Borzani, 32 anni di Saonara dell'Atletica Città di Padova (2:37:51): «Meravigliosa. Peccato per il freddo». Da grandi occasioni pubblico e cerimonia, suggellata da Larry Yu-yuan Wang, ambasciatore della Repubblica di Cina (Taiwan) presso la Santa Sede, che aveva dato il via. Fatto un giro in funivia, ha detto: «Luoghi meravigliosi. In due giorni ho visto molta gente che lavora sodo, imprenditori intelligenti. Non conoscevo il posto, né quest'impianto costruito 50 anni fa: già allora la gente guardava al futuro». E il presidente della Funivia, Giuseppe Venturini: «Ringrazio la Montefortiana per questa seconda edizione andata benissimo: ce ne sarà una terza». Invito accolto da Giovanni Pressi e Gianluigi Pasetto, presidente e segretario del Gds: «Ringrazio voi e i partecipanti», ha detto Pressi. «Le intemperie non potevano fermarci. Siamo arrivati tutti e vedo tutti soddisfatti d'aver corso». Pasetto: «L'ambasciatore ci ha invitati a una maratona, in novembre nella contea di Miao Li. Vedremo d'andare».
Ieri, tra i premiati, 12° (2:30:36), Pietro Giovanni Pesenti, di Zogno (Bergamo), della Team Diabete No Limits di Garda, presieduta da Christian Agnoli. Con la sua maglietta «I love Lina Insu», ha detto: «Bella corsa. Il diabete? Non dà problemi. Sono diabetico da tre anni e mezzo. Non è un limite. Per me è stato uno stimolo a star meglio. Puntiamo a far capire, anche a chi non reagisce, che possiamo fare tutto quanto fanno gli altri». Il presidente Agnoli: «Corriamo per promuovere la ricerca contro il diabete, che lo sport aiuta a superare: www. diabetenolimits.org». Applausi, pure dalle altre autorità, tra cui Enrico Lorenzi, consigliere di Ferrara, che ha coordinato la protezione civile; Renzo Piazzi e Claudio Sterza del Ctg, padre Carlo Vanzo superiore dei Camilliani le cui missioni il Trail vuole favorire con l'Irccs San Camillo Alberoni (Venezia). Il prossimo appuntamento qui è il 31 luglio. «Alle 12 il vescovo, monsignor Giuseppe Zenti, celebrerà la messa nella chiesetta Madonna della Neve e, alle 15, concerto dell'Arena di Verona», ha ricordato Venturini.

Barbara Bertasi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie