domenica, 17 novembre 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

31.07.2012

«La scossa e il nostro piccolo Miguel I bambini non possono difendersi»

Jessica con Antonino e il loro piccolo Miguel
Jessica con Antonino e il loro piccolo Miguel

«Il 20 maggio scorso, la notte del terremoto, io e Antonino ci eravamo svegliati e il nostro primo pensiero è andato a Miguel, il nostro bambino che ha solo un anno e mezzo», racconta Jessica Schiavo, «perché in una situazione del genere i più piccoli sono i primi a non potersi difendersi». «Poi abbiamo sentito storie di bimbi rimasti sotto choc per quella scossa», continua, «di mamme che non sapevano come aiutarli. E abbiamo deciso di fare qualcosa per loro». L'idea del viaggio di Antonino era già nell'aria: lui e Jessica l'hanno illustrata ad Alfredo Cottini e Luca Apostoli, amici e responsabili dell'Associazione Sos Sona. Sono stati loro ad indirizzare la coppia verso la scuola materna San Vincenzo De Paoli di Cavezzo. «Luca e Alfredo erano in contatto diretto con la direttrice della scuola», spiega Jessica, «e nelle scorse settimane erano andati con l'associazione a fare un sopralluogo: esternamente la scuola sembra non aver riportato grossi danni ma basta entrare per capire che non è agibile, che delle pareti sono crollate e che anche il tetto non ha retto alla scossa». La scuola ospitava quasi cento bambini e dieci insegnanti, e il rischio è che a settembre in quelle condizioni non possa riaprire. Per questo, sull'onda dell'impresa di Antonino, l'associazione sta organizzando nella provincia diverse raccolte fondi: «Nelle scorse settimane con una vendita di torte abbiamo raccolto 500 euro». racconta Jessica, che nella vita lavora in una pasticceria. Una gelateria di San Massimo ha creato il gelato «Capo Nord» e per ogni pallina venduta dona un euro alla scuola di Cavezzo.FR.LOR.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Necrologie