domenica, 16 giugno 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

19.10.2012

Incubo gas: cambia il gestore e viene tempestata di bollette

Erika Visentini mostra la montagna di bollette che le sono arrivate
Erika Visentini mostra la montagna di bollette che le sono arrivate

Una signora cambia gestore del gas e si trova a vivere una situazione da incubo, con decine di fatture inesatte, impossibilità di comunicare con un referente qualificato e, dulcis in fundo, un procedimento legale di recupero crediti in atto. La storia di Erika Visentini, purtroppo, è simile all'odissea vissuta da molti altri utenti nell'era della liberalizzazione del mercato del gas. Visentini è titolare dell'autofficina M.G.Z. service di via Dugaletto. Nel 2006 sottoscrisse un contratto con Enel per la fornitura sia di gas che di energia elettrica. Due anni dopo, però, decise di cambiare e di passare ad Unicoge, società partecipata dai comuni dell'Est veronese. «Sottoscritto il contratto con Unicoge, mi assicurarono che avrebbero pensato loro alle disdette con Enel Distribuzione ed Enel Energia ed alla successiva attivazione», racconta Visentini. In effetti, la rescissione del contratto per l'energia elettrica avvenne senza alcun intoppo. Da maggio del 2008 l'artigiana è convinta di doversi rapportare unicamente con l'azienda locale. Nulla di più illusorio. Per il gas la strada si preannuncia in salita. Pochi mesi dopo il cambio, arriva all'autofficina quella che la titolare crede sia l'ultima bolletta del gas di Enel Energia. La lettura stimata dei metri cubi consumati fino al 30 aprile 2008 è di 29.551, superiore a quella calcolata da Multiservizi SB, responsabile dell'allaccio del cliente. Troppo elevata anche secondo Visentini, che decide comunque di pagare gli 868 euro della fattura per chiudere finalmente i rapporti con il vecchio gestore. Passano ancora dei mesi. Nel 2010 cominciano ad arrivare in via Dugaletto bollette a tutto spiano, anche tre in un mese, «con cifre ogni volta diverse e letture stimate che non hanno attinenza con la realtà». Ne arriva perfino una indirizzata all'autofficina, ma riferita ad un altro utente, che abita in via Gritti, dall'altra parte del paese. Visentini chiama il numero verde per avere un chiarimento, però non riesce mai a parlare con un responsabile. Nemmeno alla società Unicoge sanno darsi una spiegazione. Dal 2008 al 2012 le bollette spedite da Enel sono 32, per un totale di oltre 8 mila euro. L'amministratrice della MGZ non capisce che cosa stia succedendo ed è fuori di sé dalla rabbia. Non intende pagare quanto ritiene non sia dovuto. Si limita ad inviare dei fax, in cui chiede ad Enel di smetterla con l'invio delle fatture. Durante l'estate del 2012 sembra giungere la svolta. Nella cassetta della posta Visentini trova decine di buste. Dentro ci sono le note di credito con cui Enel storna le cifre addebitate all'ex cliente. La differenza fra quanto conteggiato e quanto cassato, tuttavia, non è zero. Secondo la società di energia, la MGZ deve ancora corrispondere all'Enel 193 euro. Va da sé che Visentini è convinta di aver già saldato i conti e non intenda pagare nulla. A metà settembre, nella zona industriale di Prova, è giunta l'ennesima brutta sorpresa: Enel ha incaricato una società esterna di provvedere al recupero del presunto credito di 193 euro. «Ho telefonato a questa società, cercando di spiegare l'equivoco», dice Visentini, «ma non hanno voluto sentire ragioni e hanno risposto che ci vedremo in tribunale. Non so più che fare». Il colmo per l'artigiana sarebbe quello di doversi rivolgere ad un avvocato - spendendo di certo più di 193 euro - per dimostrare ciò che dovrebbe essere chiaro da quattro anni, e cioè che lei non ha più acquistato gas dall'Enel da maggio 2008.

Paola Bosaro
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il Verona ha scelto Ivan Juric. Cosa ne pensi?
Ivan Juric
ok

Spettacoli

Sport

giro2019 giro2019